Masi: "Hamilton? Punti di penalità tolti perché inappropriati"

Il direttore di gara Michael Masi ha spiegato i motivi per cui i commissari del Gran Premio di Russia hanno deciso che la penalità in punti sulla licenza inizialmente assegnata a Lewis Hamilton fosse "inappropriata".

Masi: "Hamilton? Punti di penalità tolti perché inappropriati"

Hamilton ha ricevuto due penalità di cinque secondi per avere fatto due prove di partenza al di fuori della zona designata oltre all'uscita dei box, ed entrambe erano valse anche un punto sulla licenza.

Questo aveva fatto arrivare il pilota della Mercedes ad una somma di 10 punti negli ultimi 12 mesi, quindi prendendone altri due prima del GP di Turchia sarebbe scattata automaticamente una gara di squalifica.

Tuttavia, dopo la gara i commissari hanno parlato con Hamilton ed il team Mercedes e, con una mossa insolita, hanno cambiato il loro verdetto.

Hanno tolto i punti di penalità ad Hamilton, infliggendo invece una multa di 25.000 euro al team, sulla base del fatto che al pilota era stato detto che avrebbe potuto fare le prove di partenza in quel punto.

"Dopo la gara, i commissari sportivi hanno sentito il team e il pilota della vettura 44" ha detto Masi.

"Così Lewis e la Mercedes hanno parlato con i commissari, spiegando che al pilota era stata data un'istruzione su dove poteva effettuare le prove di partenza".

"E su questa base, i commissari hanno deciso di annullare i punti di penalità su entrambe le decisioni, perchè a quel punto li ritenevano inopportuni. E, di conseguenza, hanno inflitto alla squadra una multa di 25.000 euro per quell'istruzione".

Leggi anche:

"E in effetti, è vero che era lui a guidare la macchina, ma le istruzioni ricevute dalla squadra sono state un fattore, quindi hanno ritenuto opportuno rivedere la decisione di conseguenza".

Masi ha detto che ai piloti era stato spiegato chiaramente dove si trovava la zona relativa alle prove di partenza.

"La zona delle prove di partenza è ovviamente molto specifica e dettagliata nelle note dell'evento. Così come in ogni altro evento, Lewis e tutti gli altri piloti, sapevano quale fosse il luogo per le prove di partenza, secondo le istruzioni del direttore di gara".

"Il motivo per cui determiniamo il luogo delle prove di partenza è per la sicurezza di tutti i piloti, in maniera che tutti siano consapevoli di ciò che sta effettivamente accadendo".

"Probabilmente c'è stata una comunicazione errata tra il team ed il pilota della vettura #44, perché Bottas e tutti gli altri piloti hanno esato l'esatta posizione, subito a destra dopo la linea di uscita dai box.

Anche se i punti di penalità sono stati annullati, Masi ha sottolineato che comunque si è trattato di un'infrazione che ha fatto guadagnare un vantaggio ad Hamilton.

"Penso che si debba dare un'occhiata a tutto e, secondo i commissari, eseguire la prova di partenza in quell'area era un vantaggio sportivo. Dunque, pensavano che una penalità sportiva fosse appropriata".

"Lo spettro è ampio e i commissari sportivi hanno ovviamente la possibilità di applicare tutte le sanzioni previste dal regolamento sportivo e dal codice sportivo internazionale".

"Ecco perché abbiamo i commissari sportivi e spetta a loro determinare ciò che è più appropriato a seconda delle circostanze".

"C'è stata una violazione di due elementi del regolamento che sono stati evidenziati, uno dei quali è l'articolo all'interno delle note del direttore di gara".

"Il secondo è l'articolo 36.1 del regolamento sportivo, che stabilisce che si deve mantenere una velocità costante lungo la corsia di uscita di uscita dai box, che definisce come tale il tratto tra il semaforo dei box e la linea della safety car".

condivisioni
commenti

Video correlati

Mercedes: l’incertezza su Wolff si ripercuote sul team?
Articolo precedente

Mercedes: l’incertezza su Wolff si ripercuote sul team?

Prossimo Articolo

Report F1, Ferrari: è iniziata a Sochi la cura della SF1000

Report F1, Ferrari: è iniziata a Sochi la cura della SF1000
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021