Formula 1
02 lug
-
05 lug
Evento concluso
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
1 giorno
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
114 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
128 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
141 giorni

Corona Camp, Marko ritratta: "Non mando i ragazzi in guerra"

condivisioni
commenti
Corona Camp, Marko ritratta: "Non mando i ragazzi in guerra"
Di:
1 apr 2020, 09:38

Il consigliere di Red Bull Motorsport ha detto di essere stato frainteso e che non aveva intenzione di contagiare nessuno deliberatamente, ma che guardava le cose in prospettiva essendo lui stesso guarito dal Coronavirus.

Dopo aver sconvolto il mondo per le sue dichiarazioni completamente prive di sensibilità ed insensate in un momento difficile come questo, Helmut Marko ha provato a rientrare nei ranghi.

Appena un paio di giorni fa, il consigliere di Red Bull Motorsport aveva detto senza mezzi termini che sarebbe stato meglio se i suoi piloti fossero stati contagiati dal Coronavirus, per essere in forma quando finalmente si potrà tornare in pista, ipotizzando addirittura un "campo" per questo scopo.

"Abbiamo quattro piloti di Formula 1 e otto o dieci conduttori junior. La mia idea era quella di organizzare un Camp in cui avremmo potuto riempire questo tempo morto con un lavoro di preparazione mentale e fisica. E quello sarebbe stato il momento ideale per fargli prendere il virus" aveva detto Marko ad ORF.

Leggi anche:

Dopo aver ricevuto una più che meritata pioggia di critiche, il manager austriaco ha provato a ritornare sui suoi passi, provando a ritrattare le sue affermazioni.

"Non intendevo infettare nessuno deliberatamente. Questo è quello che sembrava dopo un lavoro di copia e incolla. Mi sembra chiaro che non mando volontariamente i miei ragazzi in guerra" ha detto Marko a F1-insider.com, provando a difendersi.

"Ovviamente bisogna fare attenzione in tempi di pandemia, ma bisogna anche essere in grado di vedere le cose in prospettiva. Ho avuto il virus a febbraio. Se le persone della mia età possono sopravvivere, i giovani atleti dovrebbero avere meno paura delle conseguenze".

"Questa era l'unica ragione cui volevamo organizzare il campo. Ma la contaminazione deliberata non è mai stata un problema" ha concluso.

Prossimo Articolo
Ferrari PAS variabile: il vantaggio è aerodinamico?

Articolo precedente

Ferrari PAS variabile: il vantaggio è aerodinamico?

Prossimo Articolo

Silverstone entro fine aprile deciderà le sorti del GP di F1

Silverstone entro fine aprile deciderà le sorti del GP di F1
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Team Red Bull Racing Acquista adesso
Autore Matteo Nugnes