Marko: "Nel 2019 la Red Bull potrà lottare per vincere il Mondiale con i motori Honda!"

condivisioni
commenti
Marko:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
22 ott 2018, 14:33

Il consulente del team Red Bull non usa mezzi termini e fa un affermazione forte, ponendo grande fiducia sulle possibilità di vincere il titolo subito nel 2019. Poi ecco la stoccata a Renault e Ricciardo.

La seconda posizione ottenuta ieri ad Austin da Max Verstappen ha riportato il sorriso in casa Red Bull. La gara del pilota olandese è stata eccezionale: partito 18esimo, Max ha rimontato sino al secondo posto, chiudendo per altro a pochi decimi di distanza dal vincitore della gara Kimi Raikkonen.

Per la Red Bull la gara di Austin è stata eccellente non solo per il risultato finale, ma anche per il passo gara che ha saputo mantenere con Max Verstappen (mentre Ricciardo ha dovuto parcheggiare la sua RB14 a bordo strada dopo pochi giri a causa di un guasto).

Al termine delle ostilità, Helmut Marko ha parlato della gara di quello che, a tutti gli effetti, è diventato e sarà il pilota di punta del team nelle prossime stagioni.

"E' stata una grande gara. Avevamo già un piano su quante monoposto Max avrebbe dovuto superare durante i primi giri ed era immediatamente in vantaggio di 2 posizioni rispetto ai nostri piani fatti prima della gara".

"Quello che è stato davvero incredibile è quello che Max ha fatto con le gomme più morbide. Ha tenuto un bel ritmo, è andato molto forte ma facendole durare e senza fare errori. E' stato incredibile".

Chiusa la parentesi legata alla gara appena conclusa, Marko ha posto il suo sguardo al futuro. Dal prossimo anno le Red Bull saranno equipaggiate da power unit Honda, che andranno a sostituire quelle Renault, ormai da anni nel mirino delle critiche dei vertici del team per i problemi d'affidabilità e mancanza di prestazioni. Marko si è detto felice del cambiamento e ha subito fatto un pronostico che, a oggi, sembra alquanto azzardato:

"L'anno prossimo avremo motori Honda e il progetto è davvero promettente. Credo che potremo già lottare per vincere il Mondiale a partire dalla prossima stagione. Sono serio".

Poi, per concludere, non ha potuto fare altro che tirare una doppia frecciata all'indirizzo di Renault - e non è una novità - ma anche nei confronti di Daniel Ricciardo, che ad Austin è stato costretto al ritiro a causa di un problema elettrico e che il prossimo anno continuerà a correre con i V6 Renault diventando pilota titolare del team di Enstone.

"Ricciardo è invece stato fermato da un problema elettrico. Povero Daniel, dovrà convivere per altre due stagioni con questi problemi...".

Prossimo Articolo
Lance Stroll pronto a esordire con la Force India nei test post stagionali di Abu Dhabi

Articolo precedente

Lance Stroll pronto a esordire con la Force India nei test post stagionali di Abu Dhabi

Prossimo Articolo

Nissan delusa dal caso Albon: “Noi, Alex, lo abbiamo aiutato molto...”

Nissan delusa dal caso Albon: “Noi, Alex, lo abbiamo aiutato molto...”
Carica commenti