Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
FP1 in
108 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
115 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
136 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
150 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
164 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
192 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
199 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
213 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
219 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
247 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
254 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
268 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
282 giorni

Marko: "Inutile portare in Red Bull piloti già scartati"

condivisioni
commenti
Marko: "Inutile portare in Red Bull piloti già scartati"
Di:
Co-autore: Christian Nimmervoll
23 gen 2020, 16:02

Helmut Marko ha declinato l'idea di veder tornare Vergne e Buemi in orbita Red Bull F1: "Hanno fatto percorsi differenti, ci metterebbero troppo ad abituarsi. Poi non è la nostra filosofia".

Da quando Toro Rosso - tra poco AlphaTauri - ha esordito in Formula 1 ha giocato un ruolo molto importante per Red Bull, ovvero da team satellite istituito per far crescere le giovani promesse e formare piloti all'altezza di correre nel team principale, ossia Red Bull Racing.

Ormai da due stagioni il vivaio Red Bull non offre piloti capaci di raccogliere l'eredità di Sebastian Vettel, Daniel Ricciardo e Max Verstappen. 2 anni fa, infatti, Toro Rosso mise sotto contratto Brendon Hartley, neozelandese capace di vincere tutto nel WEC, ma la sua esperienza in F1 fu ai limiti del fallimentare.

Più di una volta ex piloti in orbita Red Bull come Sébastien Buemi e Jean-Eric Vergne sono stati indicati come possibili cavalli di ritorno per ovviare a una situazione inaspettatamente critica. Chi però ha posto un veto al ritorno di questi piloti, che in altre categorie hanno fatto faville, è stato Helmut Marko, super consulente della Red Bull.

"Si tratta di un capitolo chiuso. Hanno fatto una carriera in altre categorie del motorsport", ha detto l'eminenza grigia della Red Bull in un'intervista esclusiva a Motorsport.com.

"Se Jean-Eric Vergne vince la Formula E, è qualcosa di completamente differente dai requisiti che cerchiamo noi in Formula 1. Il francese avrebbe avuto bisogno di una stagione intera per tornare ad adattarsi alle monoposto di F1, ma anche alle gomme Pirelli. Per questo ormai è acqua passata".

"Quando ci guardiamo attorno, molti dei nostri piloti hanno avuto succsso. Guadagnano ottime cifre e hanno trasformato il loro hobby in professione. Questo è fantastico".

Ora, però, la line up Toro Rosso è formata da due piloti che in Red Bull non hanno convinto e sono stati retrocessi. Parliamo di Daniil Kvyat e Pierre Gasly. Marko pensa però di non aver imposto obiettivi troppo alti per i giovani piloti dell'accademia Red Bull.

"All'inizio il team Junior era fatto per dare una possibilità a tutti i piloti, perché il motorsport è davvero molto costoso. Poi è stato deciso che questi piloti dovessero avere il potenziale per vincere un gran premio. Ecco perché la selezione è diventata più rigorosa".

"Non riesco a capire le critiche che vengono mosse nei nostri confronti. Finanziamo alcuni piloti per intere stagioni. Senza i nostri fondi non si sarebbero mai trovati nelle situazioni in cui sono. Se non è sufficiente per arrivare in F1, beh, in F1 ci sono solo 20 piloti e sappiamo bene che non tutti sono nella massima serie per le loro capacità".

"Quanti piloti del nostro programma hanno vinto una gara in F1? Vettel, Ricciardo, Verstappen. Non so dirvi quanti siano riusciti a salire sul podio. Internamente siamo felici e orgogliosi, perché la nostra filosofia e quello che abbiamo fatto è stato copiato su vasta scala. Ma nessuno degli altri programmi si è avvicinato in alcun modo a quello che abbiamo ottenuto con il nostro".

Prossimo Articolo
Ferrari: ecco perchè solo Leclerc prova le Pirelli 18 pollici

Articolo precedente

Ferrari: ecco perchè solo Leclerc prova le Pirelli 18 pollici

Prossimo Articolo

Red Bull: prolungato l'accordo con ExxonMobil

Red Bull: prolungato l'accordo con ExxonMobil
Carica commenti