Marchionne: "In F.1 servirebbe più libertà di sperimentazione"

condivisioni
commenti
Marchionne:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
21 giu 2016, 15:55

Sergio Marchionne, presidente della Ferrari, è intervenuto alla FIA Sport Conference parlando di quanto il Motorsport sia importante per il gruppo FCA, ma anche riguardo il nuovo regolamento tecnico 2017 della F.1.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H on the grid
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Sebastian Vettel, Ferrari celebrates his second position on the podium
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid leads at the start of the race
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Start of the race
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Scuderia Ferrari and team-mate Sebastian Vettel, Scuderia Ferrari

Sergio Marchionne è tornato a parlare di Ferrari e Formula 1 poche ore fa, alla FIA Sport Conference tenutasi a Torino, tornando su argomenti spesso trattati negli ultimi mesi.

Uno di questi riguarda il nuovo regolamento che dovrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione nel Circus iridato e che sarà introdotto a partire dalla prossima stagione sportiva. Allo stato attuale delle cose il presidente della Ferrari sembra appoggiare il lavoro fatto dalla Federazione Internazionale dell'Automobile e dalla Commissione della F.1, ma non si è voluto esimere dall'aggiungere un suo parere riguardo le eccessive restrizioni che non consentono ai progettisti di osare di più nel pensare e a realizzare le monoposto della classe regina delle ruote scoperte.

"Il nuovo regolamento tecnico entrerà in vigore nel 2017. Abbiamo trovato un accettabile punto di equilibrio, ma dobbiamo tenere a mente che spingere le macchine al limite e testarle sotto le più estreme condizioni è l'unico modo per garantire il massimo livello di innovazione".

"Jean Todt e gli altri membri della Commissione della Formula Uno hanno cercato di trovare un punto di mediazione tra la necessità di assicurare l'accesso allo sport limitando i costi di partecipazione e quella di innovare. Io resto convinto che dovrebbe esserci più libertà per la sperimentazione".

Marchionne ha poi voluto ricordare come all'interno del gruppo Fiat-Chrysler vi siano marchi, oltre alla Ferrari, che hanno fatto la storia del Motorsport e come, alcuni di questi, continuino a farla.

"Il mondo delle corse non è importante solo per Ferrari, molti dei brand che sono parte del gruppo FCA hanno la competizione nel loro DNA".

"Le corse sono un laboratorio dove l'eccellenza nella costruzione e nel design hanno raggiunto i migliori esempi di ingegneria dell'automotive. La nostra organizzazione ha imparato un'incredibile quantità di cose dalle corse, dall'aerodinamica ai materiali, dall'ingegneria alla sicurezza e naturalmente Ferrari è uno dei più grandi esempi".

Prossimo articolo Formula 1
La Red Bull Racing rinuncia al progetto dell'Aeroscreen

Articolo precedente

La Red Bull Racing rinuncia al progetto dell'Aeroscreen

Prossimo Articolo

Faccia a faccia con Arrivabene: "Ci credo, non firmerei per tre vittorie!"

Faccia a faccia con Arrivabene: "Ci credo, non firmerei per tre vittorie!"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie