Marchionne: "Chi non porta risultati va a casa, questo vale anche per me!"

Il presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, ad una cerimonia dell'Università Luiss a Roma, ha commentato la seconda fila delle Rosse nel GP del Belgio: "La griglia non è male considerati gli errori di Raikkonen e Vettel".

A Sergio Marchionne è tornato il sorriso dopo le qualifiche della Ferrari nel GP del Belgio che ha messo Kimi Raikkonen a poco più di un decimo dalla pole, anche se il presidente del Cavallino non è certo il tipo che si accontenta.

Intervenuto ieri a Roma per una cerimonia dell'Università Luiss, Marchionne prima ha riservato una bacchettata ai piloti della Rossa e poi ha lanciato uno dei suoi moniti che non sta facendo dormire alcuni tecnici del Reparto Corse...
"La seconda fila al Gran Premio del Belgio non è male, visti gli errori di Raikkonen e Vettel".

Il presidente della Ferrari, insomma, lascian intendere che la Rossa aveva il potenziale per puntare alla partenza al palo, ma sono stati i due piloti a non regalargli quella soddisfazione.

E riguardo alla nuova struttura della squadra con uno staff tecnico orizzontale diretto da Mattia Binotto ha aggiunto: "L'impatto dei cambiamenti che abbiamo fatto nella scuderia comincia a farsi sentire. Insomma chi non porta risultati va via. È una regola che vale per tutti, anche per me".

Marchionne ha concluso dicendo "...abbiamo l'obbligo di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati". 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP del Belgio
Circuito Spa-Francorchamps
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie