L'Halo impatterà sui consumi, sull'aerodinamica e il peso!

condivisioni
commenti
L'Halo impatterà sui consumi, sull'aerodinamica e il peso!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
22 gen 2018, 09:57

L'adozione obbligatoria della protezione della testa del pilota voluta dalla FIA nel 2018 ha degli effetti negativi sulle nuove monoposto. Analizziamo quali sono i problemi che i chief designar (e non solo) hanno dovuto risolvere...

La Formula 1 sta scoprendo quali sono tutte le implicazioni legate all’Halo. L’adozione della nuova protezione della testa che la FIA impone alle squadre del Circus nel 2018 e alle Formula 2, impatta su diversi aspetti delle nuove monoposto, molto più di quanto si pensasse all’inizio.

L’introduzione del diadema, infatti, sta creando diversi problemi non solo ai chief designer delle macchine 2018, perché l’Halo ha coinvolto nella discussione telaisti, aerodinamici e anche i… motoristi.

Alla prima analisi sembrava che l’impedimento maggiore fosse di natura aerodinamica: l’anello, infatti, rende meno efficiente il flusso che arriva all’airbox del motore e in parte copre l’ala posteriore, riducendo il carico nel retrotreno.

Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso STR12 halo
Pierre Gasly nei test di Abu Dhabi ha provato sull'Halo della Toro Rosso un deviatore di flusso nella parte superiore

Photo by: Sutton Motorsport Images

Nei test svolti ad Abu Dhabi dopo l’ultimo GP del campionato 2018 si sono viste apparire dei soffiaggi e dei piccoli deviatori di flusso in carbonio sul diadema (in particolare McLaren e Toro Rosso), proprio per cercare di ottimizzare l’andamento dei flussi e ridurre, almeno in parte, l’inefficienza del sistema.

La FIA, infatti, ha lasciato libertà d’intervento intorno all’Halo nei 20mm oltre la circonferenza della protezione proprio nel tentativo di limitare gli effetti nocivi a livello aerodinamico.

McLaren MCL32 con l'halo
Anche la McLaren sulla MCL32 aveva provato l'Halo con un'aureola aggiuntiva al diadema

Photo by: Gustavo Lima/Motorsport.com

I telaisti sono stati costretti a rivedere la costruzione della scocca perché in caso di capottamento i carichi che si generano nei punti di attacco sono molto elevati e hanno richiesto degli irrobustimenti che in passato non erano necessari.

E così dall’analisi strutturale è emerso anche l’aspetto più critico è legato al peso: l’Halo impone un incremento della massa di circa 15 kg (fra diadema e attacchi al telaio), mentre l’aumento di peso deciso dalla FIA è stato solo di 6 kg.

Mercedes F1 W08 Halo Crash Test
Ecco i carichi ai quali deve essere sottoposto l'Halo durante i test di omologazione della scocca 2018

Disegno by: Giorgio Piola

Non ci dovremmo sorprendere se, almeno nei test invernali, vedremo delle monoposto che potrebbero nascere oltre i 733 kg fissati dalla Federazione Internazionale come peso minimo, non potendo fissare la zavorra nei punti nevralgici della macchina per trovare il miglior bilanciamento.

Se questi due aspetti sono già stati ampiamente considerati, ce n’è un terzo che sta emergendo anche se non in modo dirompente: il consumo di carburante. Nei test in pista l’Halo è sempre stato usato per apparizioni molto brevi, specie a inizio o fine sessione, per cui non si sono raccolti dei dati su quale può essere l’impatto sul consumo di benzina nell’arco di un GP.

Il combinato disposto fra la maggiore resistenza all’avanzamento della monoposto per l’adozione dell’Halo e l’aumento del peso possono avere un impatto sui consumi dei motori fino al 1%: i motoristi stanno cercando di limitare gli effetti negativi della protezione della testa e sono convinti che per l’inizio del campionato l’impatto sarà davvero minimo.

È interessante analizzare come un elemento di sicurezza (che deve essere uguale per tutte le squadre e viene prodotto da tre ditte autorizzate, una è l’italiana VSystem)) possa innescare una serie di ragionamenti che vanno a toccare in modo molto diverso l’affidabilità e le prestazioni della monoposto.

Antonio Giovinazzi, Haas F1 Team VF-17, con il dispositivo halo
Antonio Giovinazzi scende dalla Haas dotata dell'Halo: il tempo di uscita dall'abitacolo è stato portato a 7 secondi

Photo by: Andrew Hone / LAT Images

Prossimo articolo Formula 1
Mazzola: "Schumi era incredulo per i tempi di Valentino con la Ferrari"

Previous article

Mazzola: "Schumi era incredulo per i tempi di Valentino con la Ferrari"

Next article

La Sauber stamperà in... 3D i particolari della vettura!

La Sauber stamperà in... 3D i particolari della vettura!
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Analisi