Leclerc: "Sorpresi dalla durata delle medie di Gasly"

Il monegasco ha sottolineato come la Ferrari abbia provato a beffare di strategia l'AlphaTauri, ma la Scuderia è rimasta sorpresa dal bassissimo degrado delle Pirelli medie sulla monoposto di Gasly.

Leclerc: "Sorpresi dalla durata delle medie di Gasly"

Quinto in qualifica, quinto all’arrivo. Per Charles Leclerc la gara di Zandvoort si è conclusa con lo stesso risultato ottenuto al sabato ed un po' di amaro in bocca per non essere mai riuscito ad insidiare un Pierre Gasly oggi decisamente in palla sul tracciato olandese.

Charles è stato autore di una ottima partenza, ma si è trovato subito la strada sbarrata da un Gasly autore di un avvio altrettanto buono. Leclerc si è visto costretto ad alzare il piede alla curva Audi per evitare di tamponare il pilota dell’AlphaTauri ed ha così rischiato di compromettere involontariamente la gara di Sainz.

Dopo le prime curve Gasly ha preso il largo ed in Ferrari si è optato per una strategia alternativa per cercare di scavalcare la monoposto dei “cugini” di Faenza. Leclerc ha allungato lo stint con le rosse per poi montare le Pirelli hard, mentre Gasly ha invece montato le medie.

In casa Ferrari ci si attendeva un crollo di prestazioni del francese che non è arrivato e Gasly è riuscito a tenere alle proprie spalle il monegasco sino alla bandiera a scacchi.

“Era impossibile prendere Gasly. Abbiamo provato a fare qualche giro in più sulle soft per avere un vantaggio a fine gara, ma non ci aspettavamo che sarebbe riuscito a far durare le medie così tanto. Abbiamo montato le hard e ci abbiamo provato, ma non ce l’abbiamo fatta”.

Il quinto posto, con tanto di doppiaggio, sicuramente non è il risultato che Leclerc si aspettava, ma con il mezzo tecnico a disposizione non si poteva sperare di meglio. Charles ha comunque voluto guardare il bicchiere mezzo pieno sottolineando come il team sia riuscito a guadagnare 12 punti sulla McLaren.

“Forse avrei potuto avere una opportunità di sorpasso in partenza, ma mi sono trovato la strada bloccata e non ho voluto prendere rischi. Oggi dovevamo pensare a guadagnare punti sulla McLaren e ci siamo riusciti. Questo è l’aspetto positivo”.

Leclerc ha poi affermato di essere rimasto stupito dal passo gara ed ha recriminato per la sbavatura commessa ieri in qualifica.

 “Il passo era buono e non ci aspettavamo di avere un ritmo migliore rispetto a tutte le altre monoposto del gruppo di metà classifica. Ieri, purtroppo, non sono riuscito a mettere tutto insieme ed è stata solo colpa mia, ma oggi sono davvero contento della mia gara nonostante il quinto posto”.

Conclusa la trasferta di Zandvoort per la Ferrari è adesso giunto il momento di prepararsi ad affrontare il gp di Monza.

Leclerc ha sul tracciato brianzolo ha conquistato il suo secondo successo in Formula 1, ma ha già avvisato i tifosi di non aspettarsi miracoli tra sette giorni.

“Non vedo l’ora di correre a Monza. Purtroppo quest’anno non ci aspetta una gara facile, ma sentire il sostegno dei tifosi sarà stupendo. Daremo il massimo e vediamo come andrà”.

condivisioni
commenti
F1: Verstappen in trionfo a Zandvoort, Mercedes battuta

Articolo precedente

F1: Verstappen in trionfo a Zandvoort, Mercedes battuta

Prossimo Articolo

Sainz deluso: “In crisi sin dal 1° giro, non ero al passo”

Sainz deluso: “In crisi sin dal 1° giro, non ero al passo”
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021