Leclerc: "Smettete di dirmi 'razzista' perché non mi inginocchio"

Il pilota della Ferrari, tramite una serie di tweet, si sfoga e sottolinea di essere disgustato dal razzismo e dai razzisti, ma anche di non giudicarlo tale per non inginocchiarsi durante gli inni nazionali prima dei GP.

Leclerc: "Smettete di dirmi 'razzista' perché non mi inginocchio"

"Non sono razzista". Nel corso di queste settimane, Charles Leclerc lo ha affermato più volte, lo ha scritto spesso utilizzando media differenti con l'obiettivo di far passare il suo messaggio e fuggire dalle insinuazioni piovutegli ingiustamente addosso dopo averlo visto in piedi durante gli inni nazionali dei gp, facendo scelte differenti rispetto a tanti suoi colleghi.

Oggi pomeriggio il pilota della Ferrari ha voluto ribadire il concetto espresso a più riprese e lo ha fatto con una serie di tweet postati dal suo account ufficiale. Charles ha usato parole chiare, concetti ficcanti e lungi dall'essere interpretabili in più maniere.

Insomma, non inchinarsi durante un inno nazionale non vuol certo dire essere a favore del razzismo. Questa è solo una piccola parte del messaggio, perché quella più importante arriva sin dalle prime righe del suo intervento social.

"E' davvero triste vedere come alcune persone abbiano manipolato le mie parole per fare titoli e faer di me un razzista. Non sono un razzista, odio assolutamente il razzismo. Il razzismo mi disgusta", ha subito attaccato Charles.

"Piantatela di inserirmi nello stesso gruppo di orrende persone che discriminano gli altri a causa del colore della pelle, della religione o di genere. Non faccio assolutamente parte di quella schiera e non sarò mai uno di loro. Ho sempre avuto rispetto per tutti e questo dovrebbe essere uno standard in tutto il mondo".

"E a chi usa la mia immagine per promuovere le loro idee sbagliate, chiedo di farla finita. Non sono immischiato nella politica e non voglio essere coinvolto in essa".

"Non voglio più essere giudicato. Come ho detto tante volte, sono molto attivo sui social media e non accetto di essere chiamato nel mondo in cui sono stato chiamato nelle ultime settimana, in maniera negativa ovviamente, solo perché non mi sono inginocchiato durante gli inni nazionali".

condivisioni
commenti
Vettel drastico: "Siamo in lotta per il centro gruppo"

Articolo precedente

Vettel drastico: "Siamo in lotta per il centro gruppo"

Prossimo Articolo

Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica

Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021