Leclerc: "Smettete di dirmi 'razzista' perché non mi inginocchio"

Il pilota della Ferrari, tramite una serie di tweet, si sfoga e sottolinea di essere disgustato dal razzismo e dai razzisti, ma anche di non giudicarlo tale per non inginocchiarsi durante gli inni nazionali prima dei GP.

Leclerc: "Smettete di dirmi 'razzista' perché non mi inginocchio"

"Non sono razzista". Nel corso di queste settimane, Charles Leclerc lo ha affermato più volte, lo ha scritto spesso utilizzando media differenti con l'obiettivo di far passare il suo messaggio e fuggire dalle insinuazioni piovutegli ingiustamente addosso dopo averlo visto in piedi durante gli inni nazionali dei gp, facendo scelte differenti rispetto a tanti suoi colleghi.

Oggi pomeriggio il pilota della Ferrari ha voluto ribadire il concetto espresso a più riprese e lo ha fatto con una serie di tweet postati dal suo account ufficiale. Charles ha usato parole chiare, concetti ficcanti e lungi dall'essere interpretabili in più maniere.

Insomma, non inchinarsi durante un inno nazionale non vuol certo dire essere a favore del razzismo. Questa è solo una piccola parte del messaggio, perché quella più importante arriva sin dalle prime righe del suo intervento social.

"E' davvero triste vedere come alcune persone abbiano manipolato le mie parole per fare titoli e faer di me un razzista. Non sono un razzista, odio assolutamente il razzismo. Il razzismo mi disgusta", ha subito attaccato Charles.

"Piantatela di inserirmi nello stesso gruppo di orrende persone che discriminano gli altri a causa del colore della pelle, della religione o di genere. Non faccio assolutamente parte di quella schiera e non sarò mai uno di loro. Ho sempre avuto rispetto per tutti e questo dovrebbe essere uno standard in tutto il mondo".

"E a chi usa la mia immagine per promuovere le loro idee sbagliate, chiedo di farla finita. Non sono immischiato nella politica e non voglio essere coinvolto in essa".

"Non voglio più essere giudicato. Come ho detto tante volte, sono molto attivo sui social media e non accetto di essere chiamato nel mondo in cui sono stato chiamato nelle ultime settimana, in maniera negativa ovviamente, solo perché non mi sono inginocchiato durante gli inni nazionali".

condivisioni
commenti
Vettel drastico: "Siamo in lotta per il centro gruppo"
Articolo precedente

Vettel drastico: "Siamo in lotta per il centro gruppo"

Prossimo Articolo

Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica

Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021