Leclerc: "Scommetterei su una Ferrari vincente a Melbourne, la SF90 è molto bilanciata"

Il pilota monegasco ha completato la simulazione di GP con la SF90 traendo delle buone indicazioni in vista del debutto australiano. Su Vettel: "Diamo gli stessi feedback sul comportamento della monoposto, anche se abbiamo diversi stili di guida, specie in frenata".

Leclerc: "Scommetterei su una Ferrari vincente a Melbourne, la SF90 è molto bilanciata"

Ha terminato il suo primo vero impegno da ferrarista in prima posizione, con il miglior tempo di giornata e (al momento) dei test pre-Mondiale, anche se ha causato la bandiera rossa che ha interrotto la sessione prima della bandiera a scacchi per una panne che lo ha costretto a parcheggiare la Rossa nel dritto dopo la Curva 9. Charles Leclerc può salire sull’aereo per Melbourne senza ansia e preoccupazioni, e non potrebbe essere altrimenti considerando quanto ha fatto vedere in pista nei 138 giri percorsi e non solo.

Anche se ha dovuto rinunciare a circa sei ore di attività in pista nell’arco dei giorni a lui dedicati dalla Ferrari, il monegasco non ha cercato alibi:
“Vogliamo sempre e comunque girare di più, ma alla fine abbiamo girato abbastanza”.

Punto e a capo. La prossima volta che Leclerc scenderà in pista lo farà ad Albert Park, il tracciato su cui lo scorso anno ha esordito in Formula 1. I riflettori che illuminano chi guida la Rossa sono sempre i più potenti in assoluto, ma il Leclerc versione 2019 sembra avere tutte le contromisure del caso. La prova arriverà in Australia, e Charles non si è nascosto: “scommetterei su una Ferrari vincente”. Quale Ferrari? Difficile che non abbia pensato alla numero 16….

Qual è la tua sensazione finale su questi test? Hai raggiunto un buon feeling con la monoposto?
“Il mio giudizio non è poi cambiato molto rispetto al primo giorno di prove. La macchina trasmette una buona sensazione, già nei primi metri che abbiamo percorso il bilanciamento era buono, e questo feeling non è cambiato".

"Oggi è stata una giornata positiva, ne avevamo bisogno dopo l’impossibilità che abbiamo avuto a scendere in pista nel pomeriggio di ieri. Ma se parliamo di tempi sul giro, non ritengo che abbiano un grande significato”.

Hai ottenuto comunque un tempo impressionante…
“Non sapremo mai i valori in campo nei test, e credo che ovviamente tutti si tengano del margine. Anche dal mio punto di vista posso far meglio, ho ancora da imparare, ma giro dopo giro mi sento sempre più a mio agio”.

Nel lavoro completato in queste settimane, come è stata la cooperazione con Sebastian?
“Condividiamo l’obiettivo di migliorare la macchina, e ovviamente abbiamo lavorato insieme. Poi quando saremo in pista ognuno di noi vorrà battere l’altro, quindi non mi sembra il caso di andare da Seb a chiedere consigli. Però posso sempre imparare osservando i suoi dati e il metodo di lavoro che ha con la squadra, sono aspetti molto utili”.

Hai riscontrato molte differenze rispetto alla filosofia della monoposto Sauber che hai guidato lo scorso anno?
“Come ho detto più volte al momento il mio punto debole è la conoscenza tecnica della macchina, ma è un fronte sul quale migliorerò. Non posso rispondere ancora a questa domanda, ma posso dire che dal mio punto di vista la vettura risulta essere molto equilibrata”.

Sebastian ha confermato di avere uno stile di guida un po' diverso dal tuo...
“Si, ma credo che ogni pilota abbia uno suo stile alla fine. Ciò che conta di più è che abbiamo fornito gli stessi feedback sul comportamento della monoposto”.

Cosa differenzia i vostri stili?
“È difficile entrare nei dettagli perché sono piccoli particolari, alcuni in frenata. Ma ciò che posso imparare da lui non è poco”.

Il tempo perso nei test di questa settimana ha influito sulla tua preparazione in vista di Melbourne e sullo sviluppo della monoposto?
“Al di là del tempo trascorso forzatamente ai box direi che di chilometri ne abbiamo fatti parecchi, anche oggi. Ovviamente più giri e più sei contento, ma non credo che gli imprevisti abbiano intaccato il programma di preparazione mio e della monoposto”.

Leggi anche:

Oggi avete provato per la prima volta la mescola più tenere, la C5. Come è andata?
“Molto bene, il grip in più che abbiamo sentito è quello che attendavamo, dunque nessuna brutta sorpresa”.

Stamattina Hamilton ha girato in 18”0 con gomme bianche, ed è sembrato un ottimo tempo. Poi sei sceso in pista tu, e con le stesse mescole hai ottenuto 17”2: è stata una risposta?
“No, nessuna risposta, è stato il nostro programma di lavoro”.

Sei già con la testa a Melbourne?
“In un certo senso sì, credo che alla fine tutto il lavoro fatto qui a Barcellona sia mirato a far bene a Melbourne, ed ovviamente nelle gare successive. Speriamo di essere pronti”.

Scommetteresti sulla Ferrari vincente a Melbourne?
Dopo una lunga pausa… “Al momento, sono soddisfatto. Quindi sì, scommetterei”.

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
1/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
3/20

Foto di: Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
4/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
5/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90 precede Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90 precede Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 W10
7/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
9/20

Foto di: Carl Bingham / Motorsport Images

Charles Leclerc, FerrariSF90
Charles Leclerc, FerrariSF90
10/20
Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
11/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/20

Foto di: Carl Bingham / Motorsport Images

Charles Leclerc, FerrariSF90
Charles Leclerc, FerrariSF90
13/20
Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
14/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
15/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
16/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
17/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
18/20

Foto di: Franco Nugnes

Fumo dal posteriore di Charles Leclerc, Ferrari SF90
Fumo dal posteriore di Charles Leclerc, Ferrari SF90
19/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
20/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Tecnica Red Bull: provato un nuovo deviatore di flusso sulla RB15 di Gasly

Articolo precedente

Tecnica Red Bull: provato un nuovo deviatore di flusso sulla RB15 di Gasly

Prossimo Articolo

Test F1 Barcellona, Giorno 3: Leclerc fa volare la Ferrari. Gasly distrugge la Red Bull

Test F1 Barcellona, Giorno 3: Leclerc fa volare la Ferrari. Gasly distrugge la Red Bull
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021