Leclerc: "Passo gara e feeling sono buoni, meno il giro secco"

Charles Leclerc non è andato oltre l'11esimo tempo nelle Libere 2 del GP di Ungheria, ma la Rossa sembra promettere bene sul passo gara con Medium e Hard. "Dovremo lavorare sul giro secco", ha detto il monegasco a fine giornata.

Leclerc: "Passo gara e feeling sono buoni, meno il giro secco"

Dopo quanto visto a Monte-Carlo e a Silverstone, le attese nei confronti delle prestazioni della Ferrari all'Hungaroring erano piuttosto alte. Le prime due sessioni di prove libere del GP d'Ungheria hanno invece raccontato una realtà differente.

Le Ferrari hanno faticato entrambe nella sessione pomeridiana, dove il grande caldo e un asfalto torrido - 63° - hanno evidentemente giocato un ruolo importante nelle prestazioni delle monoposto. Le Rosse non hanno certo fatto discorso a sé stante, finendo entrambe ai margini della Top 10 di giornata.

Il migliore dei piloti di Maranello è stato Charles Leclerc, il quale ha ottenuto il tempo di 1'18"320 sfruttando un set di gomme Soft. Un tempo delidente, che lo ha lasciato a oltre 1"3 dal miglior tempo della sessione fatto segnare a sorpresa dalla Mercedes W12 di Valtteri Bottas.

Poco importa che la McLaren, vera avversaria per il terzo posto nel Mondiale Costruttori, si sia trovata nelle stesse condizioni. Le monoposto color papaya al venerdì si nascondono, per poi liberare i cavalli del propulsore Mercedes quando più conta, ovvero al sabato.

Nonostante le premesse, le aspettative per ora non mantenute e una sessione di libere così difficile, Charles Leclerc si è presentato in Media Zone piuttosto sereno in volto. Un non verbale potente, supportato poi dalle parole che hanno sottolineato la bontà del lavoro svolto dal team del Cavallino Rampante soprattutto per quanto riguarda la simulazione gara.

"Oggi siamo riusciti a svolgere tutto il piano di lavoro. La pista è cambiata un po', ma a parte questo siamo molto contenti di come sia buono il nostro feeling con la macchina e delle sensazioni avute sino a ora".

Se sul passo gara la SF21 numero 16 sembra aver dato buone indicazioni, resta il punto interrogativo legato al giro secco. Oggi Leclerc ha faticato a mettere assieme un tempo degno di nota complice il caldo torrido, ma domani le cose potrebbero cambiare in maniera drastica perché le previsioni del tempo a Budapest sembrano indicare alte percentuali di pioggia. Dunque, anche temperature molto più basse rispetto a quelle avute oggi.

"Le prestazioni le vedremo domani in qualifica, ma il feeling è stato abbastanza buono sino a ora. Sappiamo che c'è del lavoro da fare per massimizzare il nostro potenziale, ma la strada è quella giusta. La simulazione gara è parsa piuttosto buona. Dobbiamo migliorare sul giro secco. E quando lo faremo, saremo a posto", ha concluso il monegasco della Ferrari.

condivisioni
commenti
Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"

Articolo precedente

Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le libere del GP d'Ungheria

Fotogallery F1: le libere del GP d'Ungheria
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021