Leclerc: "Fatto il massimo, ma la McLaren ne ha di più"

Il monegasco è riuscito a guadagnare due posizioni al via ed ha chiuso la Sprint Qualifying di Monza in sesta posizione. Charles ha dato il massimo, ma ha sottolineato come questo weekend le McLaren sembrino imprendibili.

Leclerc: "Fatto il massimo, ma la McLaren ne ha di più"

Quello di Monza è stato un weekend sino ad ora complicato per la Ferrari. Carlos Sainz ha distrutto l’avantreno della sua SF21 in occasione delle FP2, mentre Charles Leclerc è stato costretto a concludere in anticipo la sessione per una intossicazione che ha richiesto anche una visita al centro medico.

Le premesse per soffrire anche nella Sprint Qualifying del sabato pomeriggio c’erano tutte, eppure il monegasco è riuscito a sfruttare al meglio le occasioni che si sono presentate per guadagnare due posizioni rispetto alla qualifica e chiudere in sesta piazza.

Conclusa una Sprint Qualifying priva di emozioni per il pubblico in pista ed a casa, Leclerc ha subito voluto rassicurare sulle sue condizioni fisiche. Charles ha sottolineato di non essere al 100%, ma di essere soddisfatto per il risultato odierno.

“Fisicamente ho passato dei giorni migliori, non sto benissimo, ma oggi siamo riusciti a svolgere al meglio il nostro lavoro in pista e sono molto contento per questo”.

Leggi anche:

Leclerc, ai microfoni di Sky Sport F1 HD, ha poi posto l’accento sullo stato di forma della McLaren sul circuito di Monza. Le MCL35M di Ricciardo e Norris sembrano assolutamente imprendibili per via della loro velocità di punta e Charles ha evidenziato come in questo weekend sarà necessario correre in difesa in attesa di piste più favorevoli alla SF21.

“Oggi siamo riusciti a massimizzare il nostro potenziale. Purtroppo questo weekend la McLaren ne ha di più di noi. Dobbiamo cercare di racimolare quanti più punti possibile”.

“Onestamente non credo che domani potremo fare più di quanto visto oggi, ma mai dire mai. Se faremo tutto in modo perfetto sono certo che potremo mettere pressione alla McLaren. Ci sono molte vetture che partiranno alle nostre spalle, come Bottas, Perez o Gasly. Io darò tutto”.

La seconda Sprint Qualifying della stagione ha forse deluso le aspettative di chi ha voluto a tutti i costi provare questo esperimento. Lo spettacolo in pista è stato imbarazzante e si fatica a capire il perché ci si ostini a provare un format che non aggiunge nulla ad un campionato estremamente combattuto.

Leclerc, però, ha voluto dare una lettura diversa. Il monegasco della Ferrari ha sottolineato come l’esperienza maturata oggi, specie con riferimento al degrado gomme, potrà essere preziosa in ottica gara per determinare le strategie corrette.

“La Sprint Qualifying è molto importante in vista della gara di domani perché nei primi due giri devi spingere e il degrado è elevato. Così facendo abbiamo dei dati in vista della corsa di domenica ed è su questi che ci concentreremo stasera”.

condivisioni
commenti
Hamilton: "McLaren sottovalutate, Max può vincere facilmente"
Articolo precedente

Hamilton: "McLaren sottovalutate, Max può vincere facilmente"

Prossimo Articolo

Chinchero: "L'errore di Lewis può essere decisivo per il titolo"

Chinchero: "L'errore di Lewis può essere decisivo per il titolo"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021