Leclerc: "Bene sul giro secco, in gara sarà un'incognita"

condivisioni
commenti
Leclerc: "Bene sul giro secco, in gara sarà un'incognita"
Di:

Il monegasco ha chiuso entrambe le sessioni con il quarto crono confermando le buone performance in simulazione qualifica già viste al Nurburgring. I dubbi in casa Ferrari riguardano il passo gara.

Dopo aver illuso al Nurburgring la storia si ripeterà anche a Portimao? E’ questo il dubbio che assilla gli uomini della Ferrari ed anche i tifosi della scuderia di Maranello.

In occasione della scorsa gara, infatti, Leclerc aveva stupito in qualifica ottenendo un inatteso quarto tempo per poi naufragare la domenica con il pieno di benzina, mentre oggi, sia in occasione delle FP1 che delle FP2 il monegasco è stato molto rapido sul giro secco centrando sia al mattino che al pomeriggio il quarto riferimento sempre con poco meno di 9 decimi di ritardo dalla strepitosa Mercedes W11 di Valtteri Bottas.

Anche in Portogallo ci si deve attendere, quindi, una replica di quanto visto al GP dell’Eifel? Stando a quanto dichiarato da Leclerc sembrerebbe di sì…

“E’ sembrata una buona giornata. Non abbiamo girato a lungo con il pieno di carburante quando abbiamo montato le gomme standard, mentre con quelle sperimentali abbiamo aumentato la quantità di benzina a bordo”.

La Ferrari ha portato in terra portoghese alcune novità al fondo che potrebbero consentire alla SF1000 di risalire la china in questo finale di stagione. Leclerc, però, ha voluto immediatamente gettare acqua sul fuoco sottolineando come la monoposto del team di Maranello si sia comportata bene nella simulazione qualifica, mentre in ottica gara gli interrogativi sono ancora molti.

“Questo è stato il nostro punto debole nella scorsa gara, quindi bisognerà vedere in gara come andremo. Ad ogni modo la velocità sul giro secco è sembrata promettente”.

Il circuito di Portimao ha ospitato per la prima volta nella sua storia le monoposto di Formula 1 e tutti i piloti hanno commentato con entusiasmo il layout del tracciato fatto di numerosi dislivelli.

Molti degli attuali protagonisti della massima serie hanno avuto modo di girare in passato su questa pista nelle categorie cadette, ma affrontare i saliscendi del circuito dell’Algarve con una F1 ha richiesto un nuovo adattamento.

“L’asfalto era estremamente scivoloso. Il posteriore della vettura scodava in continuazione. La pista è fantastica. Sono serviti parecchi giri per capirla perché non riesci a vedere il punto di corda in curva”.

Dall'altra parte del box c'è stato un Sebastian Vettel autore dell'undicesimo tempo in FP1 e del sesto in FP2 in 1'19''175. 

Il tedesco, a differenza di Leclerc, non è riuscito a scendere sotto il muro dell'1'19'', ma non è sembrato particolarmente deluso dai risultati odierni anche considerando una pista molto insidiosa, specie al mattino.

"Il tracciato era molto scivoloso e questo perché è stato deciso di posare un nuovo asfalto da poco, però il layout della pista è intrigante”.

Vettel, nonostante la carenza di grip, ha però gradito particolarmente la conformazione del circuito ed ha lanciato un messaggio non proprio velato alla Federazione Internazionale ed a Liberty Media.

“Per me è stata la prima volta su questo tracciato. E’ una bella pista e questo dimostra che esistono numerosi circuiti entusiasmanti, basta saperli scegliere…”.

Ferrari: il nuovo fondo con tre vorticatori 2019!

Articolo precedente

Ferrari: il nuovo fondo con tre vorticatori 2019!

Prossimo Articolo

F1, Portimao: nessuna sanzione per Verstappen e Stroll

F1, Portimao: nessuna sanzione per Verstappen e Stroll
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Portogallo
Sotto-evento Prove Libere 2
Piloti Charles Leclerc
Team Scuderia Ferrari
Autore Marco Di Marco