L'Australia apre ad uno scambio di date tra F1 e MotoGP

La MotoGP e la Formula 1 potrebbero scambiarsi le date in Australia a partire dal 2022: la proposta è già sul tavolo.

L'Australia apre ad uno scambio di date tra F1 e MotoGP

I due eventi, gestiti entrambi dall'Australian Gran Prix Corporation, tradizionalmente si trovano agli estemi opposti dei rispettivi calendario, con Melbourne che apre la stagione della Formula 1 a marzo e Phillip Island che ospita la MotoGP ad ottobre.

Tuttavia, le restrizioni di viaggio dovute alla pandemia hanno costretto al rinvio della gara di F1 di quest'anno, che ora è prevista per il 21 novembre, quattro settimane dopo la gara di MotoGP.

Secondo il responsabile dell'AGPC, Andrew Westacott, questo ha aperto la porta ad un importante ripensamento in termini di tempistica di entrambi gli eventi.

Ha spiegato infatti che ci sono già quattro opzioni per quanto riguarda la programmazione per il 2022 e oltre, una delle quali è effettivamente uno scambio diretto tra gli eventi di F1 e di MotoGP.

Questo manterrebbe invariata la distanza tra i due, importante sia per la gestione dell'evento che per la vendita dei biglietti, inoltre rispetterebbe le continue richieste dei piloti di MotoGP di spostare la gara di Phillip Island in un momento migliore dal punto di vista climatico.

"Non posso fare altro che sottolineare che al momento non c'è nulla di definitivo sui calendario 2022", ha detto Westacott a Motorsport.com.

"Ci piace sempre avere la gara di apertura della Formula 1, perché è un pilota importante del calendario dei grandi eventi di Melbourne".

"Ma devo anche aggiungere che il cambiamento in atto per quest'anno, con la Formula 1 a novembre, ci dà l'opportunità di guardare a quattro scenari molto distinti tra loro".

"Uno è portare entrambi gli eventi in uno slot ad inizio stagione, a febbraio o marzo. Un altro è che entrambe le gare abbiano uno slot a fine stagione, a ottobre o novembre. Si può mantenere la tradizione, con la F1 all'inizio e la MotoGP alla fine dell'anno. Oppure il contrario, la MotoGP all'inizio e la F1 alla fine".

"Ho una mente molto aperta su tutti questi scenari, i pro ed i contro, oltre alle opportunità che presentano per i vari campionati. E il valore che questi eventi offrono a Melbourne".

"Tutte queste opzioni sono sul tavolo e la combinazione definitiva sarà decisa quando i calendari saranno finalizzati verso la metà di quest'anno".

"Tenendo conto della tradizione e delle nuove opportunità, sono di mentalità aperta. Non c'è una decisione categorica che sia già stata presa in merito per il momento".

Non ci sono ancora garanzie che uno dei due eventi sarà effettivamente disputato quest'anno, visto che le frontiere dell'Australia sono ancora chiuse al resto del mondo.

Chiunque entri nel paese è soggetto ad una quarantena di 14 giorni in albergo, una pratica che difficilmente verrà abbandonata finché i vaccini non avranno raggiunto un livello significativo di circolazione a livello mondiale.

Il programma di vaccinazione dell'Australia è iniziato oggi (lunedì) e dovrebbe essere completato entro ottobre.

Melbourne è riuscita ad ospitare il suo primo evento internazionale dall'inizio della pandemia, gli Australian Open di tennis, ma i partecipanti sono stati obbligati a sottoporsi ai 14 giorni obbligatori di quarantena.

Westacott è convinto che gli insegnamenti del tennis, ma anche i progressi sul fronte dei vaccini, lo lasciano fiducioso riguardo al possibile arrivo della Formula 1 nel mese di novembre.

"E' sempre complesso, basta guardare il tennis e il modo in cui hanno affrontato la situazione", ha aggiunto.

"Ma la mia opinione, e quella del governo, è che abbiamo l'opportunità di sviluppare e migliorare continuamente l'approccio all'organizzazione degli eventi".

"Abbiamo tempo per farlo ora, sulla base degli insegnamenti tratti dal tennis, dal lancio dei vaccini, da ogni sorta di approccio legato alla salute. Questo ci aiuterà ad organizzare meglio l'evento di novembre".

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Motorsport in lutto, è morto Chris Craft
Articolo precedente

Motorsport in lutto, è morto Chris Craft

Prossimo Articolo

F1 Stories: Lauda e Hunt, come il diavolo e l'acqua santa

F1 Stories: Lauda e Hunt, come il diavolo e l'acqua santa
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Formula 1
8 dic 2021
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021