La Williams proverà le cinture della OMP a Suzuka

condivisioni
commenti
La Williams proverà le cinture della OMP a Suzuka
Jonathan Noble
Di: Jonathan Noble
Tradotto da: Matteo Nugnes
05 ott 2016, 14:21

La Williams ha pianificato di provare delle nuove cinture di sicurezza questo fine settimana, in occasione del GP del Giappone, dopo i problemi che Valtteri Bottas ha patito il mese scorso a Singapore.

Valtteri Bottas, Williams FW38 fa scintille
Valtteri Bottas, Williams FW38
Valtteri Bottas, Williams FW38, pit action
Valtteri Bottas, Williams FW38
Valtteri Bottas, Williams
Valtteri Bottas, Williams FW38, pit action
Valtteri Bottas, Williams FW38

Bottas fu costretto a rientrare ai box durante la gara di Marina Bay, perché le cinture si erano allentate e le indagini successive della squadra non sono riuscite ad individuare il motivo dell'accaduto.

Essendo le cinture un elemento di vitale importanza per la sicurezza, la Williams ha deciso di passare da quelle fornite dalla Willans a quelle della OMP.

I test con la OMP si svolgeranno nelle prove libere di Suzuka per controllare se è tutto ok. Il piano poi prevede che Bottas e Felipe Massa completino il passaggio definitivamente a partire dal GP degli Stati Uniti.

Sull'argomento Rob Smedley ha detto: "E' una cosa molto difficile da capire, apparentemente si sono allentate dopo circa 30 giri di gara".

"A meno di trovare un difetto su una fibbia, è molto raro che una cintura di sicurezza si possa allentare. Quindi è successo qualcosa di diverso in questo caso".

"Qualunque cosa sia, qualunque cosa abbia allentato la cintura dopo 30 giri, anche se fosse stato Valtteri a toccarla in qualche modo, non dovrebbe succedere. Mai".

"Quando si parla di sicurezza dei piloti, parliamo di un qualcosa di fondamentale, che va oltre le prestazioni e l'affidabilità della vettura".

"Siamo qui per correre, ma la sicurezza dei piloti e del personale è la priorità assoluta. Quindi questa è stata una situazione davvero molto deludente".

"Ci accingiamo a cambiare produttore. Le testeremo in Giappone e, se tutto va bene, dopo aver analizzato la situazione, le useremo in gara in America. Mi sembra un tempo di reazione ragionevolmente buono, direi".

Smedley poi ha spiegato che la Williams ha deciso di posticipare lo switch definitivo ad Austin perché prima vuole analizzare correttamente come si comporteranno le nuove cinture in Giappone.

"Tutto ciò che si fa sulla vettura, soprattutto da un punto di vista della sicurezza, ha bisogno di essere provato per diversi chilometri" ha detto. "Vogliamo essere in grado di fare circa 600 a cavallo di due venerdì per essere semplicemente certi che non ci siano problemi".

"Non vogliamo mandare un pilota in gara senza aver fatto queste verifiche, quindi prima vogliamo fare dei chilometri con le nuove cinture".

 

 

 

Prossimo articolo Formula 1
Suzuka: l'acceleratore resta tutto aperto per il 63% del giro

Articolo precedente

Suzuka: l'acceleratore resta tutto aperto per il 63% del giro

Prossimo Articolo

Il GP del Giappone in diretta sia su Sky che sulla Rai

Il GP del Giappone in diretta sia su Sky che sulla Rai
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Williams
Autore Jonathan Noble
Tipo di articolo Ultime notizie