La Renault risponde alla accuse di Raikkonen

La Renault risponde alla accuse di Raikkonen

Boullier non pensa di aver strumentalizzato il suo nome, ma ora sfuma la possibilità di vederlo tornare

La Renault non ha perso tempo per reagire alle accuse di Kimi Raikkonen, secondo cui la squadra di Enstone si è fatta pubblicità usando il suo nome senza che in realtà tra le due parti ci sia mai stato un contatto. Appena arrivato a Suzuka, infatti, il team principal Eric Boullier ha rilasciato una dichiarazione per cercare di chiarire la situazione. "Non abbiamo assolutamente usato l'immagine di Kimi, come invece ha riferito lui ai giornali" ha detto Boullier ad Autosport. "Siamo stati contattati dal suo manager dopo Spa. Voleva intavolare una trattativa e in quel momento ci siamo detti: Sì, siamo molto lusingati che ci avete contattato, ma abbiamo bisogno di tempo per completare la valutazione del potenziale di Vitaly (Petrov, ndr) e in quel momento, quando avremo la nostra propria conclusione, ci metteremo in contatto con voi. Non c'era nient'altro". "Da quel momento non abbiamo più avuto contatti, perchè non abbiamo concluso la valutazione di Vitaly. Non ho mai usato i mezzi di comunicazione per dire cose diverse da queste e poi non vedo il vantaggio nel dire che ci hanno cercato. Sì e siamo stati lusingati di essere contattati, ma io non ho detto altro. Ora, io penso che sia chiaro per me, e chiaro per lui, che questa è la fine della discussione " ha concluso.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag codice della strada, iniziative speciali, ricerche, sicurezza stradale