La Renault considera l'idea di una F.1 "Art Car"

La Renault vuole spingersi verso i limiti regolamentari che vincolano le livree delle monoposto per adottare una colorazione più audace nel corso della stagione, riprendendo il concetto delle Art Car della BMW.

La Renault ha presentato la nuova livrea gialla e nera la notte scorsa a Melbourne. Cyril Abiteboul, capo del programma di F.1, ci ha tenuto a sottolineare che la Casa francese sta valutando l’idea di adottare dei colori più radicali nel corso della stagione.

Commentando la nuova livrea gialla, Abiteboul ha detto a Motorsport.com: "Vogliamo creare un po' di attrazione e, quindi, aspettatevi di vedere qualcosa di strano più avanti”

"La monoposto è una piattaforma pubblicitaria fantastica. In realtà si tratta di un grande cartellone e sono sorpreso che non si sia giocato di più su questo aspetto mediatico”.

"So che ci sono delle regole e che i colori non dovrebbero cambiare troppo, ma abbiamo intenzione di sperimentare un qualcosa che può fare discutere molto senza grandi costi".

Le monoposto di F.1 sono brutte

Abiteboul ha aggiunto che la Renault ha ritenuto di allontanarsi dal grigio e nero, i colori aziendali che erano stati adottati da altre squadre, pensando che si possa fare qualcosa di meglio.

"Francamente le monoposto di F.1 sono brutte. Mi vergogno per quello che stiamo proponendo a livello estetico. E francamente alcune squadre riescono a fare anche peggio di quanto impongano le attuali norme. Così stiamo valutando qualcosa che possa essere anche bello e non solo prestazionale”.

Come mai le livree delle F.1 sono così anonime?

"Penso che sia dovuto al fatto che tutti vogliono apparire dei marchi Premium: se si vuole esprimere un’alta qualità la cosa più ovvia da fare è di puntare sul grigio scuro”.

"Senza contare che ci sono già dei team che hanno la base della livrea grigia scura o argento come è il caso di Mercedes e McLaren. E sono già due su undici, senza contare che ce ne sono altre che vogliono fare lo stesso”.

"Uniformarsi ai colori è come scomparire. Noi non vogliamo cadere nell’anonimato, ma vogliamo dare visibilità alla nostra presenza in F.1".

L'idea Art car

Il manager francese lascia intendere che il cambiamento della livrea Renault potrebbe avvenire già dal Gp del Bahrain: “La squadra stava ancora analizzando come si vedrà in televisione il pantone di colore giallo che abbiamo scelto”.

"Il debutto potrebbe avvenire già alla seconda gara ma non siamo ancora del tutto sicuri di quella che sarà la reazione e come la livrea di vedrà al variare della luce”.

"Sto pensando a un buon esempio che è stata la BMW Art Car. Tutti ricorderanno la BMW per quelle auto fantastiche: si tratta di partire da un’idea fantastica e mi stupisco che nessuno stia facendo un uso migliore dei colori nei piccoli dettagli".

Il progetto BMW Art Car è nato nel 1970, quando un pilota francese ha commissionato a un artista americano di dipingere la sua auto per Le Mans. Dopo quella vettura ci sono state altre 17 livree decorate da artisti, fra i quali c’era anche Andy Warhol.

Troppi limiti dalle regole

Tuttavia, Abiteboul è ben consapevole che i regolamenti in vigore limitano la fantasia delle squadre…

L'articolo 9 del Regolamento Sportivo della F.1, recita: "Entrambe le vetture iscritte da un concorrente devono avere la stessa livrea ad ogni evento. Ogni variazione dei colori durante la stagione può essere fatta solo con l'accordo della Commission Formula 1".

Abiteboul ha concluso: "Bisognerà vedere se Bernie ci permetterà di farlo, perché non credo che tutto ci sia consentito. Ma vogliamo spingere oltre il solito…”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Team Renault F1 Team
Articolo di tipo Ultime notizie