Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
105 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
119 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
133 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
161 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
168 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
182 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
217 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
224 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
238 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
252 giorni

La Red Bull Racing rinuncia al progetto dell'Aeroscreen

condivisioni
commenti
La Red Bull Racing rinuncia al progetto dell'Aeroscreen
Di:
20 giu 2016, 15:23

La Red Bull Racing ferma lo sviluppo del parabrezza, la protezione dell'abitacolo che Ricciardo aveva provato nelle libere in Russia. L'ultimo test FIA ha mostrato che la testa del pilota può urtare sul bordo superiore. Già spesi 250 mila euro.

Charlie Whiting, Delegato FIA ispeziona il parabrezza Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 con il parabrezza
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 con il parabrezza
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 scavalca il parabrezza

La Red Bull Racing ha sospeso lo sviluppo dell’Aeroscreen perché nell’ultimo test svolto dalla FIA sarebbe emerso che il casco del pilota avrebbe urtato il bordo superiore della protezione.

Il team di Milton Keynes che aveva programmato un’evoluzione della soluzione nella speranza che venisse adottata per la stagione 2018 ha preferito lasciare perdere, ritenendo che non fosse il caso di spendere altre risorse su un progetto che aveva poche possibilità di diventare concreto.

Come si ricorderà la commissione della FIA che si è riunita in occasione del GP di Monaco aveva già deciso di adottare l’Halo sulle monoposto 2017, ma aveva lasciato uno porta aperta all’idea della Red Bull Racing in una prospettiva più lunga.

Il parabrezza era stato provato in pista sulla RB12 di Daniel Ricciardo al Gran Premio di Russia in occasione dell’installation lap del primo turno di prove libere.

La squadra diretta da Christian Horner aveva già investito 250 mila euro nell’Aeroscreen. La speranza della Red Bull Racing è che un costruttore esterno interessato al progetto decida di rilevarlo per svilupparlo correttamente prima di metterlo a disposizione delle varie categorie.

Prossimo Articolo
Fotogallery: gli scatti più belli del primo GP d'Europa a Baku

Articolo precedente

Fotogallery: gli scatti più belli del primo GP d'Europa a Baku

Prossimo Articolo

Briatore: "Alla Ferrari serve un'antenna tecnologica inglese"

Briatore: "Alla Ferrari serve un'antenna tecnologica inglese"
Carica commenti