Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

La Red Bull ha rallentato Verstappen: temeva un guasto ad un semiasse

condivisioni
commenti
La Red Bull ha rallentato Verstappen: temeva un guasto ad un semiasse
Di:
Co-autore: Edd Straw
28 apr 2019, 17:35

Le speranze di Max Verstappen di chiudere il Gran Premio d'Azerbaijan sul podio sono state rovinate da un rallentamento precauzionale, dopo che sulla Red Bull gemella di Pierre Gasly si è rotto un semiasse.

Gasly ha patito la rottura di un semiasse dopo che aveva preso il via dalla pitlane, ma era riuscito a risalire fino al sesto posto. Tra le altre cose, il suo ritiro ha indotto la direzione gara ad attivare la procedura di Virtual Safety Car, proprio nel momento in cui Verstappen stava provando ad andare all'attacco della Ferrari di Sebastian Vettel.

Terminato il periodo di Virtual Safety Car, Verstappen ha faticato a rimandare in temperatura le gomme ed ha perso terreno nei confronti di Vettel, ma dopo la gara si è saputo anche che la Red Bull gli ha chiesto di rallentare per evitare che si ripresentasse anche a lui lo stesso problema di Gasly.

"Abbiamo faticato un po' per riscaldare di nuovo le gomme, ma dopo il guasto che abbiamo avuto con Pierre non volevamo correre troppi rischi" ha spiegato il team principal Christian Horner.

 

"C'è stato un guasto al semiasse e non sappiamo ancora perché, per questo abbiamo deciso di non correre rischi inutili con Max. E' il suo terzo quarto posto di fila ed è sempre un po' frustrante quando puoi fare il podio, ma oggi abbiamo fatto una buona gara".

A Verstappen è stato detto via radio di evitare di salire sul cordolo della curva 16, il più alto del tracciato cittadino azero.

Quando gli è stato chiesto da Motorsport.com se ci fossero stati anche altri accorgimenti, Horner ha detto: "Abbiamo abbassato un po' il ritmo, perché ovviamente fino alla VSC era molto buono".

L'olandese ha concluso la gara a 5"7 da Vettel e con un ampio margine sull'altra Ferrari di Charles Leclerc, che nel finale si è fermato per montare delle gomme nuove e far segnare il giro veloce della gara.

Leggi anche:

Horner ha aggiunto che andare a caccia del punto bonus non era un'opzione per Verstappen, visto che aveva rallentato in seguito alla rottura di Gasly.

"Se fosse stata una normale Safety Car, si sarebbe fermato" ha detto Horner quando gli è stato chiesto se la squadra non avesse valutato uno stop per Max quando è iniziata la VSC. "Ma visto che era una VSC, in realtà non aveva alcun senso".

"Non disponeva di gomme morbide nuove per fare il giro veloce. Quindi, guardando all'affidabilità, non volevamo mettere troppo carico sul semiasse per un punto. Ci poteva costare 12, quindi non avrebbe avuto alcun senso".

Scorrimento
Lista

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
1/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
2/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
3/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
4/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
5/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren, parla con Max Verstappen, Red Bull Racing, durante la Drivers Parade

Lando Norris, McLaren, parla con Max Verstappen, Red Bull Racing, durante la Drivers Parade
6/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Lando Norris, McLaren MCL34

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Lando Norris, McLaren MCL34
7/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
8/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
9/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
10/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
11/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
12/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
13/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
14/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

La monoposto di Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, nel box

La monoposto di Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, nel box
15/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
16/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
17/20

Foto di: Hasan Bratic / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
18/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
19/20

Foto di: Hasan Bratic / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
20/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Minardi Day 2019: oltre 15.000 presenze per la festa del Motorsport

Articolo precedente

Minardi Day 2019: oltre 15.000 presenze per la festa del Motorsport

Prossimo Articolo

La Mercedes non sbaglia niente, mentre la Ferrari spreca le sue occasioni

La Mercedes non sbaglia niente, mentre la Ferrari spreca le sue occasioni
Carica commenti