La RAI ha perso la Formula 1. I GP in chiaro si vedranno su TV8

102,736 viste

Manca solo l'annuncio ufficiale, ma la TV di Stato non trasmetterà i GP del mondiale 2018 che saranno visibili su TV8, il canale in chiaro di Sky. Il servizio pubblico rinuncia alla F.1 per la prima volta, ma avrà il GP d'Italia come servizio...

Il dado è tratto: la RAI non ha più la Formula 1. Quella che sembrava solo una minaccia è ora una dura realtà. Le trattative fra FOM, Sky e Tv di Stato non hanno portato alla fumata bianca, perché non c’è stato quell’accordo trilaterale che ha sempre funzionato in passato.

Nei prossimi tre anni (periodo 2018-20) sarà Sky ad avere i GP in diretta esclusiva perché la RAI non ha più ritenuto strategica la Formula 1 nel suo palinsesto, sebbene i GP, dopo il calcio, siano stati un autentico architrave dell’offerta sportiva del servizio pubblico.

Fino allo scorso anno la RAI ha trasmesso 9 gare in diretta e 11 in differita, mentre adesso ci si dovrà accontentare del GP d'Italia dal servizio pubblico e bisognerà mettere mano al portafoglio per accendere l’abbonamento Sport di Sky per vedere l’ottimo prodotto che viene offerto da anni sulla tv satellitare.

Pare che a Liberty Media non interessasse proseguire con la RAI, ma sul piatto della bilancia dei secondi diritti c’era un’offerta troppo debole e inadeguata per soddisfare le aspettative del nuovo promotore del Circus che ha tutta l’intenzione di accrescere la visibilità della Formula 1.

Quasi una provocazione per farsi dire di no? A giudicare dal risultato l’obiettivo è stato perfettamente centrato. Persi i mondiali di calcio in Russia (dove l’Italia non si è qualificata) a favore di Mediaset che li trasmetterà in chiaro, ora è il momento della Formula 1. Perché per i diritti delle Olimpiadi Invernali che si disputeranno in Corea, la battaglia è stata fatta anche se gli ascolti saranno miseri con orari notturni.

La F.1 anche solo nelle differite è riuscita a registrare degli ascolti con share molto interessanti: secondo i dati FOM il pubblico televisivo italiano è cresciuto del 17% rispetto al 2017, mentre il dato globale è risultato nettamente inferiore con un +6,2% appena.

La RAI smantellerà la redazione motori? La Tv di stato è riuscita a perdere anche la Formula E, la serie tutta elettrica, finita su Italia1 proprio nella fase in cui c’è un’attenzione in crescita dei grandi Costruttori con una strategia editoriale che sta a zero, ma non è detto che alcune voci del servizio pubblico non possano essere “convertite” sul nuovo canale che dovrà assicurare la visione in chiaro di alcuni GP in diretta.

Stando alle indiscrezioni delle ultime ore Ivan Capelli, commentatore tecnico accanto a Gianfranco Mazzoni, e Giancarlo Fisichella, il ferrarista che dava le informazioni in diretta dai box del Cavallino, potrebbero approdare a TV8, vale a dire la tv in chiaro di Sky che potrebbe trasmettere 4 GP in chiaro e gli altri 17 in differita, ripetendo l’operazione che la Dorna ha già fatto con un certo successo sulla MotoGP.

TV8, infatti, non attingerà al materiale di Sky, ma produrrà la propria Formula 1, perché le due aziende, per quanto legate sono anche molto autonome per cui non sembrano pensabili delle sinergie di scala.

La prima idea sarebbe stata di offrire ai telespettatori della RAI delusi una sorta di continuità di racconto anche nel passaggio dei GP a TV8. Non è detto che questa soluzione debba andare a buon fine, adesso che cambieranno anche i tasti da schiacciare sul telecomando per vedere la F.1 (canale 8 del digitale terrestre)…

 

 

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie