La RAI ci ripensa e tratta il rinnovo dei diritti della Formula 1 in chiaro

condivisioni
commenti
La RAI ci ripensa e tratta il rinnovo dei diritti della Formula 1 in chiaro
Di:
3 ago 2017, 10:37

La nuova gestione RAI di Mario Orfeo non ha alcuna intenzione di rinunciare ai GP nel palinsesto della TV di Stato per cui è possibile che si arrivi ad una proroga dell'attuale accordo che prevede 9 GP trasmessi in diretta e 11 in differita.

Non c'è ancora un contratto firmato, ma un'importante inversione di tendenza. La RAI non ha più alcuna intenzione di lasciare la Formula 1 come era parso alla fine dello scorso anno quando l'orientamento del CDA era di rinunciare ai GP per puntare alla Champions League.

Il contratto della TV di Stato scade alla fine di quest'anno e deve essere rinnovato dopo che Bernie Ecclestone ha passato la mano della gestione del Circus a Liberty Media. Ci sono stati contatti della nuova gestione RAI sia con gli americani che non vogliono perdere la platea della televisione in chiaro, che con i vertici di Sky per cercare di replicare l'accordo in corso grazie al quale le cose rimarrebbero come sono oggi: la piattaforma satellitare manterrebbe l'esclusiva delle dirette dei GP e ne cederebbe nove alla televisione generalista, mentre le altre continuerebbero ad essere trasmesse in differita.

Mario Orfeo, da giugno nuovo direttore generale della RAI al posto di Antonio Campo Dall'Orto, ha capito che perdere la Formula 1 sarebbe un grave danno, visto che, specie le dirette dei GP, sono in grado di assicurare degli ascolti che sarebbero difficilmente ripetibili con un altro programma, tanto più che la SIPRA, la società che raccoglie la pubblicità, ha sempre trovato un bacino fertile nella raccolta degli spot.

Può essere esemplificativo il fatto che il GP d'Ungheria domenica su RAI 1 ha raccolto 5.136.000 telespettatori con uno share del 36,42% grazie alla doppietta delle Ferrari, risultando di gran lunga il programma più visto nella domenica!

Le nuove esigenze della RAI si sposerebbero con quelle di SKY che vuole assicurare nel 2018 un alto livello di qualitò informativo pur riducendo i costi. E' possibile che tutta l'area produttiva (regia compresa) possa operare da remoto anziché sui campi di gara come avviene oggi, per cui lo staff viaggiante si ridurrebbe sensibilmente...

Prossimo Articolo
Analisi/1: cosa hanno insegnato i test dell'Hungaroring ai top team?

Articolo precedente

Analisi/1: cosa hanno insegnato i test dell'Hungaroring ai top team?

Prossimo Articolo

GP del Belgio: Ferrari avrà più Ultrasoft della Mercedes

GP del Belgio: Ferrari avrà più Ultrasoft della Mercedes
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie