La Pirelli pronta a rivelare le scelte dei team per l'Australia

Al più tardi domani si saprà se qualche squadra ha deciso di provare a puntare su una strategia più aggressiva. Mario Isola comunque spera che le modifiche regolamentari portino un incremento dei pit stop.

Le nuove regole introdotte per rendere la Formula 1 più imprevedibile prevedono che le squadre possano scegliere le proprie mescole per i weekend di gara di quest'anno.

Mentre la Pirelli seleziona tre set di gomme, le squadre hanno la completa libertà di scegliersi i 10 rimanenti, con la possibilità di impostare le strategie in base a quanto desiderano essere aggressive.

A causa del lungo periodo che serve alla Pirelli per preparare le gomme, le scelte per la gara di apertura della stagione sono state fatte addirittura nel mese di dicembre, ma poi sono state notificate solamente alla FIA.

Sebbene la Pirelli abbia già preparato ed imbarcato gli pneumatici alla volta dell'Australia, le scelte specifiche dei team diventeranno pubbliche solamente questa settimana. Queste dovrebbero essere rivelate al più tardi nella giornata di martedì.

Il racing manager Mario Isola ha predetto una certa varietà nelle scelte fatte dai piloti in questa prima fase della stagione, anche se è consapevole che anche le squadre che hanno fatto scelte diverse, poi potrebbero convergere sulle stesse mescole per la gara.

"All'inizio del campionato penso che potrebbe essere una bella variabile, perché le squadre hanno dovuto scegliere le mescole prima dei test invernali, almeno per le prime quattro gare, quindi mi aspetto alcune differenze" ha spiegato Isola.

"Quindi è difficile dire se queste differenze saranno solo per le prove libere e poi i team convergeranno su strategie simili per la gara. Le squadre dispongono di potenti strumenti di simulazione e sono in grado di trovare la migliore strategia anche con queste nuove regole".

Isola è fiducioso, tuttavia, che la libertà di scegliere le mescole possa risultare nella possibilità di vedere le squadre puntare su quelle più morbide, che potrebbe aprire la porta anche a più pit stop.

"Se tutto va bene, vedremo strategie differenti e probabilmente più pit stop rispetto all'anno scorso, perché abbiamo aggiunto una mescola più morbida. Se compariamo con l'allocazione dello scorso anno, se avremo dei team che pianificheranno delle strategie più aggressive, allora avremo un maggior numero di pit stop" ha concluso.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie