La magia di Leclerc: "Quarto? Non ci avrei mai scommesso!"

Il monegasco è stato autore di un giro capolavoro con il quale è riuscito ad ottenere un incredibile quarto tempo su un circuito sfavorevole alla Ferrari SF1000.

La magia di Leclerc: "Quarto? Non ci avrei mai scommesso!"

Charles Leclerc ha compiuto una magia. In quella che doveva essere una pista decisamente sfavorevole alla SF1000 il monegasco ha estratto il coniglio dal cilindro compiendo un giro praticamente perfetto che gli è valso un inatteso quarto tempo.

Leclerc ha avuto un solo tentativo a disposizione nel Q3 ed ha sfruttato al massimo il potenziale messo a disposizione dalla sua monoposto pennellando le curve del tracciato esterno di Sakhir andando sempre al limite senza mai commettere alcuna sbavatura.

Transitato sotto il traguardo lo stupore nel guardare il cronometro è stato generale. 22 millesimi di ritardo da Max Verstappen e secondo tempo provvisorio.

Charles, complice anche l’assenza di un secondo treno di soft nuove a disposizione, una volta tornato ai box è sceso dalla propria monoposto consapevole di non poter chiedere di più alla sua SF1000. Una scena, questa, che ha ricordato il debutto in qualifica di Leclerc in F2.

Proprio in Bahrain, nel 2017, il monegasco ha stupito tutti centrando la pole all’esordio nella categoria per poi decidere a metà sessione di gustarsi il resto del turno dal muretto del team Prema.

Leggi anche:

Quando è giunto davanti ai microfoni, nonostante la mascherina a coprire il volto, gli occhi di Leclerc brillavano di una felicità vista raramente in questa stagione.

“Un pilota non dice mai di aver fatto il giro perfetto, però ho fatto tutto quello che volevo e sono contentissimo. Parto quarto, è una cosa sulla quale non avrei mai scommesso venerdì!”.

Per Charles il weekend del penultimo appuntamento stagionale era iniziato in salita. Il monegasco, infatti, era stato costretto a saltare le FP2 per un problema tecnico perdendo così la possibilità di comprendere meglio il set up da adottare per la sua monoposto.

“Ieri non sono riuscito a girare nelle FP2 e nelle FP1 ho faticato senza riuscire a perfezionare il mio feeling con la vettura. Ho un’agenda nella quale scrivo tutti gli aspetti da migliorare nel corso del weekend ed oggi sono riuscito a mettere in pratica tutti i progressi in quel singolo giro”.

Nel box della Ferrari si è deciso di affrontare le qualifiche con una configurazione aerodinamica più carica così da compensare le carenze della vettura. Leclerc, però, ha affermato come questa scelta sia stata adottata più in ottica gara che in qualifica.

“Seb aveva girato con una aerodinamica più scarica ieri, ma non eravamo sicuri di questa scelta. Nelle FP3 anche io ho usato questa configurazione ma devo dire che non ho avvertito una grandissima differenza. Più che altro il maggior carico potrà essere utile domani in gara”.

Già in passato il monegasco era riuscito a sopperire alle lacune della SF1000 con prestazioni da urlo in qualifica per poi concludere lontano dal podio in gara. Charles spera di poter stupire anche domani, ma si è detto consapevole delle difficoltà che dovrà affrontare domenica.

“Dobbiamo tenere i piedi per terra. Quando partiamo così avanti le aspettative sono elevate, ed il primo ad avere la speranza di ottenere un buon risultato sono io.  Purtroppo molte volte in questa stagione siamo andati forte in qualifica, forse anche più del nostro reale potenziale, per poi tornare alla realtà in gara”.

“Ad ogni modo è stata una buona giornata. Voglio crederci”.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettaglio dell'ala posteriore di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Dettaglio dell'ala posteriore di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
6/22

Foto di: LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ritorna nel garage
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ritorna nel garage
7/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
9/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
16/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
17/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
18/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
19/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
20/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
21/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bottas poleman a Sakhir: "La gara sarà un'incognita"
Articolo precedente

Bottas poleman a Sakhir: "La gara sarà un'incognita"

Prossimo Articolo

Russell a 26 millesimi dalla pole: "Potevo fare anche meglio"

Russell a 26 millesimi dalla pole: "Potevo fare anche meglio"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021