F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

La Haas propone un'ala anteriore evoluta

La squadra americana propone un'ala anteriore con nuovi upper flap per accrescere il carico aerodinamico a Shanghai, mentre nel retrotreno è confermato il Monkey seat che si era già visto in Bahrain.

La Haas dopo essere uscita dall'emergenza del reperimento di ricambi dei primi due GP, ha iniziato lo sviluppo della VF-16, la monoposto che è considerata la vera rivelazione di questo inizio di campionato, scatenando non pochi mal di pancia fra i team che male tollerano la stretta collaborazione con la Ferrari.

In Cina è stata portata una nuova ala anteriore: il direttore tecnico Rob Taylor ha deciso di farla debuttare su una pista di alto carico aerodinamico: se il profilo principale è restato invariato, non manca un tocco di originalità nella zona degli upper flap, sotto.

 

Haas F1 Team VF-16, l'ala anteriore
Haas VF-16: la nuova ala anteriore vista in Cina a confronto con quella del Bahrain riprodotta nel cerchio

Photo by: Giorgio Piola

 

Nell'immagine sopra è possibile osservare le tre derive verticali montate sull'Upper flap in luogo dell'unica che si era vista nell'Emirato. Non solo, ma in Bahrain il profilo era rettilineo, mentre ora i tre elementi sono curvati verso l'esterno: servono a dirottare i flussi affinché non investano la gomma anteriore riducendo il bloccaggio aerodinamico che è causato dal pneumatico.

Nella parte più interna si registra la presenza di un flap aggiuntivo dall'andamento svergolato che ha bisogno di un supporto sul profilo proncipale per evitare le possibili flessioni.

 

Haas F1 Team VF-16, ala posteriore e monkey seat
Haas VF-16: nuova è l'ala posteriore e nel retrotreno appare il Monkey seat

Photo by: Giorgio Piola

 

Nel retrotreno, sopra, è confermata la presenza del Monkey seat con un doppio profilo e un soffiaggio: i due piccoli flap sono curvilinei poco sopra lo scarico unico.

L'immagine permette di rilevare quanto sia chiusa la carrozzeria delle pance in coda e si può apprezzare la somiglianza con la SF16-H.

Il cambio è lo stesso per le due monoposto per cui l'ingranaggeria  si trova davanti al pozzetto delle sospensioni: ammortizzatori e terzo elemento oltre alle barre sono alloggiati fra differenziale e trasmissione. Grazie a questa disposizione la culatta è stata rialzata e il puntone è particolarmente corto rispetto alle altre monoposto.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP della Cina
Sub-evento F.1 Analisi tecnica di Giorgio Piola
Circuito Shanghai International Circuit
Piloti Romain Grosjean , Esteban Gutiérrez
Team Haas F1 Team
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola