La Formula 1 annuncia la cancellazione del GP del Giappone

La Formula 1 ha confermato che il Gran Premio del Giappone è stato cancellato su richiesta del governo, a causa dei problemi legati alla pandemia del COVID-19.

La Formula 1 annuncia la cancellazione del GP del Giappone

La gara avrebbe dovuto svolgersi il 10 ottobre, come terza tappa di una tripletta che comprendeva anche Russia e Turchia.

Una decisione in merito allo svolgimento o meno dell'evento era attesa proprio per la fine di agosto, in maniera che tutte le parti avessero modo di valutare le ripercussioni che avevano seguito le Olimpiadi, che si sono svolte a Tokyo.

Al momento, non sono stati dati ulteriori aggiornamenti sulla forma che potrebbe andare a prendere il calendario di Formula 1, che in questa fase potrebbe essere molto fluido, con possibili novità in arrivo.

Il comunicato diffuso dalla F1 recita: "A seguito di discussioni in corso con il promotore e le autorità in Giappone, il governo giapponese ha preso la decisione di cancellare la gara di questa stagione a causa delle complessità legate alla pandemia nel paese".

"La Formula 1 sta ora lavorando sui dettagli del calendario rivisto e annuncerà i dettagli finali nelle prossime settimane. La Formula 1 ha dimostrato quest'anno, e nel 2020, che possiamo adattarci e trovare soluzioni alle incertezze odierne ed è entusiasta del livello di interesse da parte delle autorità locali per ospitare eventi di Formula 1 quest'anno e oltre".

Leggi anche:

Il Qatar è uno dei nuovi eventi in stand-by, ma c'è anche la possibilità di una seconda gara in Bahrain. Considerando che nella parte conclusiva della stagione si andrà anche in Arabia Saudita e ad Abu Dhabi, potrebbero esserci ben quattro Gran Premio in Medio Oriente.

Uno dei grandi problemi poi è che Turchia, Messico e Brasile sono tutti nella lista rossa della Gran Bretagna, quindi chiunque rientri da quei paesi deve rispettare una quartantena di 10 giorni in un hotel approvato dal governo, a meno che non siano passati almeno 10 giorni da quando è stato in uno di questi paesi.

Al momento la F1 non ha ottenuto un'esenzione, e quindi circa 1.000 membri dei team con sede nel Regno Unito sarebbe colpito da questa norma.

Il piano era chiaro: il Gran Premio del Giappone avrebbe coperto la finestra di 10 giorni dopo il GP di Turchia e il personale britannico sarebbe rimasto lì ancora per qualche giorno prima di fare ritorno a casa.

Resta inteso che non si deve presumere che la Turchia sia a rischio senza il cuscinetto del GP del Giappone, con la Formula 1 che starebbe già cercando una soluzione per riorganizzare il calendario in maniera tale che ci sia un'altra gara subito dopo quella di Istanbul.

La F1 spera poi di correre due gare ad Austin, con la seconda che dovrebbe avere la titolazione di Gran Premio del Texas. Anche se gli stati uniti non sono una zona rossa per il Regno Unito, la situazione si è complicata perché la città sarebbe vicina a diventare una zona rossa, con gli ospedali ormai pieni a causa del COVID-19.

La cancellazione di Suzuka arriva nonostante la F1 avesse imposto condizioni speciali a tutto il personale che si sarebbe recato in giappone, incluso l'uso obbligatorio di voli charter da Istanbul con tamponi all'arrivo, spostamenti solo tra gli hotel ed il circuito, senza la possibilità di andare al ristorante o a fare shopping.

condivisioni
commenti
Ecco perché adattarsi alla McLaren è difficile per Ricciardo

Articolo precedente

Ecco perché adattarsi alla McLaren è difficile per Ricciardo

Prossimo Articolo

Ceccarelli: “Alonso migliora come il vino stagionato”

Ceccarelli: “Alonso migliora come il vino stagionato”
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021