La FIA vuole una licenza per il personale del Circus

La FIA vuole una licenza per il personale del Circus

Jean Todt vuole che il singolo esponente sia responsabile dei suoi comportamenti

Jean Todt sta cambiando la FIA in modo più profondo di quanto non si veda adesso: fra le decisioni adottate dal Consiglio Mondiale FIA che si è riunito a Ginevra c'è una norma che evidenzia in modo inequivocabile questo concetto. Todt vorrebbe che il personale dei team iscritti al Campionato del Mondo FIA debba avere una specifica licenza. La proposta è già stata presentata alla Commissione di F.1. L'intenzione è di partire dal Circus nel 2011 e di arrivare pian piano a tutti i campionati con validità mondiale della Fia. Il progetto va sostenuto perché casi clamorosi recenti hanno dimostrato come la giustizia sportiva abbia poco margine d'azione se nelle vicende sportive rimagono coinvolti personaggi che non hanno un riconoscimento giuridico da parte della FIA. Mike Coughlan e Nigel Stepney, i due "compari" della spy-story Ferrari, non potevano essere perseguibili dalla Federazione Internazionale perché non avevano una figura riconosciuta: se fossero stati tesserati certamente sarebbero stati radiati. Con una licenza in corso di validità ogni esponente di una squadra avrebbe la responsabilità oggettiva dei suoi comportamenti. Adesso è da capire quali saranno le figure che dovranno entrare in questa lista...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie