La FIA valuta la T-Shirt contro il razzismo di Hamilton

La FIA sta valutando se Lewis Hamilton abbia infranto o meno le regole indossando al Gran Premio di Toscana una maglietta che ha messo in evidenza la brutalità della polizia.

La FIA valuta la T-Shirt contro il razzismo di Hamilton

Hamilton, che ha conquistato pole e vittoria al Mugello, ha indossato prima e dopo la gara una maglietta con la scritta: "Arrestate i poliziotti che hanno ucciso Breonna Taylor". E sul resto una foto del suo volto con le parole: "Dì il suo nome".

La Taylor era un tecnico medico di Louisville, in Kentucky, che all'inizio di quest'anno è stata uccisa a casa sua dalla polizia, che stava tentando di notificarle un mandato d'arresto senza preavviso durante un'indagine per droga.

Il suo fidanzato, Kenneth Walker, ha sparato con una pistola ai poliziotti, credendo che fossero intrusi, e loro hanno risposto al fuoco. La Taylor è stata colpita otto volte ed è morta per le ferite riportate.

Gli agenti di polizia coinvolti nell'incidente sono stati indagati per capire se avessero infranto la legge con un uso eccessivo della forza o se semplicemente avessero agito per autodifesa dopo essere stati colpiti da un colpo di pistola.

Le polemiche sulla legalità delle azioni degli agenti di polizia hanno indotto alcuni a suggerire che la maglietta di Hamilton fosse un'opinione politica, cosa che ha commentato anche la Mercedes sui social media nella giornata di oggi.

"Non stiamo portando la politica in F1, sono questioni di diritti umani che stiamo cercando di evidenziare per sensibilizzare. C'è una grande differenza" ha detto il team in risposta ai post che criticavano Hamilton.

La FIA ha fatto tutto il possibile quest'anno per aiutare i piloti a promuovere il loro messaggio contro il razzismo.

In una nota che viene inviata ai piloti in merito alla cerimonia pre-gara, il direttore di gara Michael Mase chiarisce: "La FIA sostiene qualsiasi forma di espressione individuale in conformità con i principi fondamentali del suo statuto".

Lo statuto della FIA stabilisce che l'organo di governo è neutrale in tutto ciò che fa.

Questo afferma: "La FIA si astiene dal manifestare discriminazioni per motivi di razza, colore della pelle, sesso, orientamento sessuale, origine etnica o sociale, lingua, regione, opinioni filosofiche o politiche, situazione familiare o disabilità nel corso delle proprie attività e dal compiere qualsiasi azione al riguardo".

C'è anche un riferimento nel Codice Sportivo Internazionale che stabilisce che le squadre non possono usare pubblicità "politica" sulle loro vetture, ma non c'è una menzione specifica per i piloti.

"I concorrenti che partecipano alle Competizioni Internazionali non possono apporre sulle loro vetture pubblicità di natura politica, religiosa o pregiudizievole per gli interessi della FIA" afferma l'articolo 10.6.2 del Codice Sportivo Internazionale.

Hamilton ha dichiarato di aver sperato di indossare prima quella T-shirt, ma che ha avuto delle difficoltà a procurarsela.

"Mi ci è voluto molto tempo per ottenere questa maglietta ed ho voluto indossarla per portare la consapevolezza del fatto che ci sono persone che sono state uccise per strada e che c'è anche qualcuno che è stato ucciso in casa sua" ha detto a riguardo della maglietta.

"E magari erano nella casa sbagliata, ma quei ragazzi sono ancora a piede libero, quindi possiamo fermarci. Dobbiamo continuare ad aumentare la consapevolezza di questo".

La FIA ha dimostrato in passato di avere poca tolleranza per i tentativi di fare dichiarazioni politiche, per lo più per fatti avvenuti sul podio.

Già nel 2006, gli organizzatori del Gran Premio di Turchia hanno ricevuto una multa di 5 milioni di dollari dopo che l'allora leader turco-cipriota Mehmet Ali Talat ha consegnato il trofeo al vincitore venendo presentato come "Presidente della Repubblica Turca di Cipro del Nord", che però è riconosciuta solo in Turchia.

Anche la pista di Jerez perse il suo posto nel calendario della F1 dopo che il sindaco fece un'apparizione non programmata sul podio.

condivisioni
commenti
Camilleri: "Recuperare? Speriamo che il 2022 sia un reset"

Articolo precedente

Camilleri: "Recuperare? Speriamo che il 2022 sia un reset"

Prossimo Articolo

Renault discute con la FIA per fare un test con Alonso nel 2020

Renault discute con la FIA per fare un test con Alonso nel 2020
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021