La FIA userà dei sistemi elettronici per controllare i limiti della pista

La FIA utilizzerà la tecnologia di rilevamento elettronico questo fine settimana in Ungheria per evitare che i piloti possano abusare troppo dei limiti della pista.

Il problema dei piloti che traggono vantaggio uscendo larghi dalle curve è diventato un punto di discussione importante in occasione del GP d'Austria, dove la Federazione aveva approvato il posizionatore di alcuni dissuasori all'esterno dei cordoli.

Questo ha causto numerosi cedimenti di sospensioni durante il weekend di gara, tra cui lo spettacolare incidente di Daniil Kvyat in qualifica.

Con i cordoli dell'Hungaroring che quest'anno sono stati modificati come parte del rinnovamento del circuito, la FIA si è mossa per fare in modo che i limiti della pista non possano diventare un problema.

Con i vecchi cordoli delle curve 6 e 7 che sono stati modificati con quelli alti 50 mm in stile Abu Dhabi, la FIA utilizzerà il monitoraggio computerizzato per giudicare il comportamento dei piloti in uscita di curva.

Alle curva 4 ed 11 è stato installato un nuovo doppio cordolo, ma la via di fuga è stata portata alla stessa altezza, quindi non c'è alcun tipo di deterrente.

Per assicurarsi che i piloti rimangano all'interno della pista, la FIA annunciato questa svolta per questo fine settimana.

In una nota inviata alle squadre, il direttore di gara Charlie Whiting ha spiegato: "Abbiamo installato dei sensori ad 1,6 metri dal bordo della pista che ci allertano se una vettura è uscita fuori dalla pista con tutte e quattro le ruote in quelle due aree".

 

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Circuito Hungaroring
Articolo di tipo Ultime notizie