La Ferrari ha portato l'Halo evoluto al Red Bull Ring

condivisioni
commenti
La Ferrari ha portato l'Halo evoluto al Red Bull Ring
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
29 giu 2016, 19:38

La Ferrari avrebbe approntato una nuova versione dell'Halo che potrebbe avere delle parti estraibili. Saranno fatti dei test domani al Red Bull Ring, ma non è escluso che venga utilizzato venerdì sulla SF16-H nell'installation lap.

Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H, in pista con l'Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il cockpit Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il cockpit Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il cockpit Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H con il cockpit system F1 Halo

La Ferrari ha portato in Austria una nuova evoluzione dell'Halo, la protezione dell'abitacolo che la FIA vuole introdurre sulle monooposto 2017. Fu proprio la squadra di Maranello a portare in pista per prima una sua interpretazione del sistema di protezione frontale, in occasione dei test pre-campionato che si erano svolti a Barcellona lo scorso mese di marzo. Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel avevano effettuato solo un installation lap dopo che la FIA aveva dato l'ok dopo i test statici.

A più di tre mesi di distanza i tecnici della Ferrari hanno evoluto la prima versione del dispositivo secondo le indicazioni che sono emerse dalla speciale commissione della FIA che si è occupata dei nuovi regolamenti e nella giornata di domani saranno fatte alcune verifiche.

Al momento in agenda ci sono solo test statici nei box, prove che probabilmente saranno svolte alla presenza di personale della Federazione Internazionale. Non è da escludere, però, che possa esservi anche un  installation lap in pista, anche se dalla Ferrari non è arrivata alcuna comunicazione in merito.

Fra le indiscrezioni non si esclude la possibilità che l'Halo evoluto possa avere una parte removibile, per superare i possibili problemi di estrazione del pilota in caso di incidente.

Il sistema evoluto dai tecnici di Maranello arriva a due mesi di distanza dal dispositivo “Aeroscreen” portato in pista dalla Red Bull a Sochi. La squadra di Milton Keynes ha rinunciato in questi giorni a portare avanti lo sviluppo del parabrezza, visto che non aveva alcuna possibilità di essere promosso per la stagione 2017.

Prossimo articolo Formula 1
Aldo Costa: "Devo convincere Toto a farmi provare la Mercedes!"

Articolo precedente

Aldo Costa: "Devo convincere Toto a farmi provare la Mercedes!"

Prossimo Articolo

Nikita Mazepin debutta sulla Force India nei test di Silverstone

Nikita Mazepin debutta sulla Force India nei test di Silverstone
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Location Red Bull Ring
Team Ferrari Acquista adesso
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Ultime notizie