La Ferrari a Singapore per non giocare in difesa

La squadra del Cavallino ha ridotto a 11 punti il divario dalla Red Bull nel mondiale Costruttori: su una pista che sulla carta non è favorevole alla SF16-H, la Ferrari cercherà di andare all’attacco delle RB12.

Manca una settimana all’entrata nel vivo del weekend di Singapore. I riflettori saranno tutti sul duello Hamilton-Rosberg, ma non solo. Al di fuori della classifica piloti, a tenere banco è il confronto tra Red Bull e Ferrari per la piazza d’onore nella graduatoria riservata ai Costruttori.

La Scuderia arriverà in Asia con undici punti di ritardo rispetto al team austro-britannico, ma al di là del gap matematico, la prima risposta che cercherà la Ferrari sarà sul suo potenziale rispetto alla Red Bull.

Prima della pausa estiva, nel Gran Premio di Germania, avevamo visto (come a Silverstone) una Ferrari nel ruolo di terza forza. Nulla avevano potuto Vettel e Raikkonen contro il passo delle due Red Bull. Da qui, il sorpasso (poco gradito a Maranello) nella classifica riservata ai team.

Alla ripresa delle attività dopo le vacanze, qualcosa è cambiato, e pur mancando un buon bottino di punti nel Gran Premio del Belgio (per altri motivi), la Ferrari tra Spa e Monza ha avuto un altro passo rispetto ai rivali diretti.

La risposta che arriverà da Singapore sarà soprattutto a questa domanda: il colpo di reni del team di Maranello è stato legato esclusivamente alla conformazione di due circuiti “amici” come Spa e Monza, oppure c’è stato un passo avanti del Cavallino dopo il weekend nero di Hockenheim?

La SF16-H sin dalle prime battute del Mondiale 2016 si è dimostrata una monoposto bizzosa sul fronte del setup. I parametri sono sempre quelli, ma il loro utilizzo non è così banale.

L’incidente al via del Gran Premio di Spa ha vanificato il lavoro svolto durante il weekend belga e, soprattutto, non ha consentito alla squadra di avere le conferme attese in gara. Si sussurra che qualcosa sia diventato più chiaro nella messa a punto della monoposto, alcune soluzioni che hanno riportato la vettura ad essere vicina al suo limite sin dai primi giri del venerdì, senza la notte di passione che abbiamo visto spesso dopo le prime prove libere.

A Monza le Mercedes (a differenza di Spa) sono state stellari, ma altrettanto imprendibile sono state le due Ferrari rispetto alla Red Bull. A Maranello sanno che a Singapore Verstappen e Ricciardo giocheranno su un terreno ideale, ma non si sentono battuti in partenza.

Già dodici mesi fa alla vigilia della gara in notturna si preannunciava una corsa in cui Mercedes e Red Bull avrebbero fatto la differenza. Invece il team campione del Mondo pasticciò non poco con le gomme, e la Red Bull non fu stellare in trazione come si pensava alla vigilia.

A a sorpresa fu proprio la Ferrari ad azzeccare tutte le scelte, sposandosi bene con le superstoft, elemento chiave che permise a Vettel di ottenere la terza vittoria stagionale. Dodici mesi dopo la situazione è un po’ diversa. Alla Ferrari (nessuno lo ammetterà mai a Maranello, ovviamente) non andrebbe poi male riuscire a star davanti alle Red Bull, vero obiettivo delle ultime sette gare del Mondiale. La Mercedes fa una gara a parte, più ancora dello scorso anno.

E’ evidente che anche la scelta degli pneumatici rispetti una filosofia diversa, con Red Bull e Mercedes più conservative rispetto alla Ferrari. Se nel box del Cavallino riusciranno a limitare il degrado di ultrasoft e supersoft (che sarà superiore rispetto a Montecarlo) Vettel e Raikkonen avranno un buon vantaggio.

A Maranello hanno puntato su ben 9 set della mescola più morbida, contro i 7 treni di Red Bull e Mercedes, che non vogliono correre rischi. Mercedes perché sa che non ne ha bisogno, Red Bull perché è certa di poter recuperare i punti persi a Monza sulla Ferrari puntando sullo chassis. Sarà un passaggio importante Singapore, vada come vada…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Singapore
Circuito Singapore Street Circuit
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie