La F1 fa quadrato, ma i gufi continuano a criticarla

I team stanno facendo rinunce importanti per cercare di mantenere il sistema F1 unito e dare una prospettiva alle migliaia di famiglie che vivono grazie al Circus, eppure in un momento così difficile c'è chi come Ecclestone spara una bomba al giorno per sfasciare ciò che è fragile.

La F1 fa quadrato, ma i gufi continuano a criticarla

In una situazione come quella che sta vivendo oggi la nostra società, programmare il futuro è un approccio che va oltre il suo significato tecnico. Diventa una botta d’ottimismo, un gesto di speranza in un momento denso di punti interrogativi.

Nel suo piccolo contesto, chi ha le redini della Formula 1 ci sta provando e, mai come in questo periodo, sono state prese decisioni di responsabilità, scelte che hanno messo da parte la tendenza cronica delle squadre a guardare solo ai propri interessi.

I top-team hanno accettato di posticipare di dodici mesi l’entrata in vigore del nuovo regolamento tecnico per venire incontro alle difficoltà delle squadre medio-piccole, la Ferrari ha acconsentito a mantenere inalterate molto componenti dell’attuale monoposto per lo stesso motivo, ed anche la Mercedes ha accettato senza polemiche la decisione di accantonare il sistema DAS a fine 2020.

I team hanno anche garantito a FIA e Liberty Media la possibilità di gestire in autonomia il calendario che (si spera) possa scandire in estate la partenza del Mondiale 2020, dichiarandosi disposte ad accettare weekend corti (programmati su due giorni) qualora le necessità logistiche lo rendessero necessario.

In un contesto come quello attuale serve compattezza e la Formula 1 ha dato segnali importanti in questo senso.

Le certezze oggi sono poche, perché ovviamente non dipendono dalla volontà di chi gestisce il Circus, ma la volontà di ripartire quando sarà possibile alimenta la speranza di poterlo fare. È un atto di fiducia che permette di non vedere tutto nero come sembra.

C’è però chi non vuole vedere alcuna speranza, almeno nel breve periodo.

Alla domanda su come avrebbe gestito la situazione attuale se fosse stato ancora al timone della Formula 1, Bernie Ecclestone è stato lapidario:
“Penso che avrei chiuso le discussioni sulla possibilità di correre quest'anno. Questa è l'unica decisione che si può prendere per tutelare la sicurezza per tutti, quindi non avrei perso tempo a prendere accordi sciocchi che rischiano di non poter essere rispettati”.

Questa la visione, rispettabile, di “Mr.E”, che di fatto azzera ogni volontà di ripartire nel medio periodo.

Non è ovviamente da escludere uno scenario in cui la Formula 1 (come molti altri sport) si ritrovi a non poter riprendere la sua attività entro la fine del 2020, semplicemente perché nessuno oggi è in grado di garantire quando terminerà la situazione d’emergenza che stiamo vivendo.

Ma ha senso mollare la spugna prima del knock out? Lo scorso 23 marzo Chase Carey ha confermato la volontà della Formula 1 di farsi trovare pronta qualora la situazione dovesse migliorare, annunciando la possibilità di poter garantire un calendario di 15-18 gare anche se il semaforo verde arriverà in estate.

Un programma che è stato possibile definire grazie anche alla disponibilità dei team a prolungare l’attività in pista nel mese di gennaio.

Anche su questo punto Ecclestone si è confermato molto scettico: “Sarei molto, molto sorpreso se riuscissero a metterlo in pratica”.

Chi è al timone della Formula 1 è ben cosciente che questa possibilità esiste, semplicemente perché un punto interrogativo resta tale fino a quando non c’è una risposta, e la risposta al momento non c’è.

Non si sa quando torneranno ad essere autorizzate manifestazioni pubbliche, quando saranno riaperte le frontiere, e non si sa neanche quando riprenderanno i trasporti senza i quali la Formula 1 non può muoversi.

Ma qual è il vantaggio che può portare oggi una politica rinunciataria? Il beneficio sfugge, al contrario una visione pessimista non può che peggiorare la situazione di chi vive e investe nel Circus.

In questo momento la speranza di poter tornare in pista in estate è una prospettiva che aiuta ad aver una visione più ottimista di ciò che sarà, a mantenere in vita progetti, gruppi di lavoro, relazioni e non ultima, anche l’occupazione delle migliaia di dipendenti che lavorano nelle varie strutture che operano in Formula 1.

Nessuno ha le stesse certezze di un mese fa, ma oggi navigare a vista è doveroso.

Nell’arco della sua storia in diverse occasioni la Formula 1 ha rischiato, per errori propri, di avvitarsi su sé stessa, ma questa volta è in balia degli eventi (come altre decine di migliaia di contesti).

La speranza che la situazione globale possa prendere una piega positiva è d’obbligo e lo spirito sportivo è stato spesso un esempio di determinazione che oggi serve più che mai. C’è sempre speranza, a patto di non smettere di crederci.

La fotografia selezionata da Bernie Ecclestone

La fotografia selezionata da Bernie Ecclestone
1/19

Foto di: Bernie Ecclestone

Bernie Ecclestone

Bernie Ecclestone
2/19

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Jean Todt, Presidente FIA, Bernie Ecclestone

Jean Todt, Presidente FIA, Bernie Ecclestone
3/19

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1, con sua moglie Fabiana

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1, con sua moglie Fabiana
4/19

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing
5/19

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, nel garage Ferrari con Sebastian Vettel, Ferrari

Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, nel garage Ferrari con Sebastian Vettel, Ferrari
6/19

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Jean Todt, Ferrari. Bernie Ecclestone, su uno scooter

Jean Todt, Ferrari. Bernie Ecclestone, su uno scooter
7/19

Foto di: Ercole Colombo

Maranello 1987, Enzo Ferrari, Bernie Ecclestone e Jean Marie Balestre nel giorno del rinnovo del Patto della Concordia

Maranello 1987, Enzo Ferrari, Bernie Ecclestone e Jean Marie Balestre nel giorno del rinnovo del Patto della Concordia
8/19

Foto di: Ercole Colombo

Jackie Stewart, Bernie Ecclestone

Jackie Stewart, Bernie Ecclestone
9/19

Foto di: Sutton Motorsport Images

Benie Ecclestone Celebration

Benie Ecclestone Celebration
10/19

Foto di: JEP / Motorsport Images

Bernie Ecclestone mostra il dito

Bernie Ecclestone mostra il dito
11/19

Foto di: LAT Images

L'Hospitality FOM rinominata Mr. E per Bernie Ecclestone

L'Hospitality FOM rinominata Mr. E per Bernie Ecclestone
12/19

Foto di: XPB Images

Peter Warr, Lotus team manager, Ian Scheckter, Max Mosley, Bernie Ecclestone, James Hunt and Ken Tyr

Peter Warr, Lotus team manager, Ian Scheckter, Max Mosley, Bernie Ecclestone, James Hunt and Ken Tyr
13/19

Foto di: LAT Images

Bernie Ecclestone, titolare Brabham con Max Mosley, team manager March

Bernie Ecclestone, titolare Brabham con Max Mosley, team manager March
14/19

Foto di: LAT Images

Niki Lauda, Brabham BT46

Niki Lauda, Brabham BT46
15/19

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

La tanto discussa ventola su una Brabham BT46B Alfa Romeo

La tanto discussa ventola su una Brabham BT46B Alfa Romeo
16/19

Foto di: Ercole Colombo

Gordon Murray con Nelson Piquet, Brabham BT50

Gordon Murray con Nelson Piquet, Brabham BT50
17/19

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Brabham BT 46B

Brabham BT 46B
18/19

Foto di: Giorgio Piola

Niki Lauda, Brabham BT46-Alfa Romeo with Bernie Ecclestone

Niki Lauda, Brabham BT46-Alfa Romeo with Bernie Ecclestone
19/19

Foto di: LAT Images

condivisioni
commenti
Horner: "Dovremmo far slittare le nuove regole al 2023!"

Articolo precedente

Horner: "Dovremmo far slittare le nuove regole al 2023!"

Prossimo Articolo

Ferrari PAS variabile: il vantaggio è aerodinamico?

Ferrari PAS variabile: il vantaggio è aerodinamico?
Carica commenti
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021
Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti" Prime

Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti"

Seconda intervista esclusiva in compagnia di Gilles Simon. In questa lunga chiaccerata in compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, l'ingegnere francese ci parla dei suoi trascorsi in Honda accompagnando il costruttore nipponico nei suoi primi anni in Formula 1 nell'era ibrida, per poi andare in FIA in qualità di advisor

Formula 1
14 giu 2021
F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario Prime

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

Cos'hanno in comune la corsa più antica della storia automobilistica e la Scuderia più leggendaria di sempre? Un filo conduttore glorioso fatto di 17 vittorie. Andiamo a scoprire insieme alcune delle imprese memorabili compiute dalla Scuderia Ferrari al Gran Premio di Francia.

Formula 1
13 giu 2021
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Formula 1
12 giu 2021
Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021