La F.1 modifica la numerazione delle curve del Red Bull Ring

condivisioni
commenti
La F.1 modifica la numerazione delle curve del Red Bull Ring
Jonathan Noble
Di: Jonathan Noble
Tradotto da: Matteo Nugnes
05 lug 2017, 15:42

La Formula 1 ha cambiato il sistema di numerazione della curve del Red Bull Ring alla vigilia del GP d'Austria per allinearlo a quello della MotoGP.

Fin da quando il tracciato austriaco è tornato nel calendario della Formula 1, nel 2014, è stato fatto uno conteggio ufficiale di 9 curve.

Questo però era in contrasto con la MotoGP, che invece ne conta 10, considerando una curva anche la piega che conduce dalla curva 1 al tornantone in cima alla salita.

Per quest'anno, la FIA ha confermato che anche per la Formula 1 quella sarà considerata una curva a tutti gli effetti. Questo significa che il tornante in cui l'anno scorso sono arrivati al contatto Lewis Hamilton e Nico Rosberg diventa la curva 3.

I "panettoni"

La FIA ha inoltre confermato che saranno modificati i cordoli rialzati che avevano creato dei problemi lo scorso anno, danneggiando le vetture che arrivavano a toccarli.

Questi "panettoni" ora saranno posizionati all'uscita delle curve 6, 9 e 10, ma saranno distanti 3,2 metri dal limite della pista.

Inoltre sono state modificate le barriere di gomme presenti alle curve 4, 7 e 8, mentre sono state aggiunte le barriere Tecpro all'ingresso della pitlane, dopo che l'incidente di Daniil Kvyat dello scorso anno aveva creato alcune preoccupazioni.

Red Bull Ring new corner numbering
Red Bull Ring: la nuova numerazione delle curve

Photo by: FIA

 

Prossimo Articolo
Analisi: in Austria ci sarà il tempo della pole più basso degli ultimi 30 anni?

Articolo precedente

Analisi: in Austria ci sarà il tempo della pole più basso degli ultimi 30 anni?

Prossimo Articolo

I temporali potrebbero influenzare il GP d'Austria di F.1 2017

I temporali potrebbero influenzare il GP d'Austria di F.1 2017
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Location Red Bull Ring
Autore Jonathan Noble