La colonna di Massa: "Tocca al pilota capire qual è il grip alla partenza"

Massa spiega quanto sia diventato complicato il momento del via: "Credo che quest’anno tutti i piloti abbiano sbagliato almeno una partenza, Rosberg compreso. E' fondamentale capire quanto grip c'è sull'asfalto per fare la differenza".

La colonna di Massa: "Tocca al pilota capire qual è il grip alla partenza"
Felipe Massa, Williams
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams FW38 entra in macchina
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams FW38
Felipe Massa, Williams FW38

Quello di Suzuka è stato un weekend che in certi momenti è sembrato molto difficile, ma alla fine siamo riusciti comunque a conquistare dei punti molto importanti per la classifica di campionato. Un obiettivo che prima del via era tutt’altro che scontato, considerando che sabato non eravamo riusciti ad accedere alla sessione Q3.

Dopo le qualifiche abbiamo così deciso di puntare sulla strategia ad una sosta. Dai dati raccolti in prova la scelta di impostare il Gran Premio con un solo cambio gomme presentava delle incognite, ma alla fine è stata proprio questa decisione ad aprirci le porte della zona punti. Avevamo questa possibilità e l’abbiamo sfruttata al meglio.

Una scelta che ci è costata un paio di posizioni al via, vista la minor trazione che garantisce questa mescola rispetto alle soft, ma poi il ritmo è stato buono. Nel primo stint ovviamente abbiamo sofferto un po’, non avevamo il passo degli avversari con le soft, ma quando siamo passati alle hard il ritmo è stato competitivo. Siamo riusciti a girare con costanza su tempi buoni, ed abbiamo recuperato le posizioni che ci hanno garantito l’accesso alla top-ten. C’è stato il degrado atteso, ma siamo riusciti a contenere l’assalto finale di Grosjean, arrivato alle nostre spalle con gomme più fresche negli ultimi giri, ma sia io in nona posizione, che Bottas in decima, abbiamo tenuto duro.

Non vedremo grandi cambiamenti dei valori

Siamo giunti a quattro Gran Premi dal termine del Mondiale, e non credo che vedremo dei grandi cambiamenti sul fronte del valori in campo. Seppur con qualche differenza, Austin, Città del Messico, San Paolo e Abu Dhabi sono tracciati che non contengono delle variabili importanti come può essere ad esempio nel caso di Monza o di un circuito cittadino. Sepang e Suzuka hanno dato delle indicazioni che saranno confermate fino al termine della stagione, e non mi aspetto di vedere in pista degli ulteriori sviluppi sul fronte tecnico. Potranno fare la differenza le condizioni meteo, o delle scelte strategiche particolarmente indovinate, o degli episodi di gara. Dobbiamo farci trovare pronti a cogliere ogni opportunità, per provare a concludere a nostro favore il confronto con la Force India per la quarta posizione finale nella classifica Costruttori.

Oggi è facile sbagliare le partenze

Abbiamo visto che anche le partenze possono essere determinanti, al punto da poter essere cruciali per l’assegnazione del titolo Mondiale tra Rosberg e Hamilton. Oggi è molto più facile sbagliare, perché in passato avevamo a disposizioni due frizioni, e le taravamo al meglio nel giro di formazione. Gli ingegneri leggevano i valori di trazione in tempo reale, e suggerivano via-radio le regolazioni da utilizzare. Da quando il regolamento tecnico è variato, la procedura è diventata più delicata, perché è il pilota che deve capire come tarare le regolazioni. Nella gara di Monza, ad esempio, ho fatto il classico burn-out prima di schierarmi per il via, e ho visto che c’era un grip molto basso osservando il grande fumo che si è subito alzato dalle gomme posteriori.

Ho deciso di essere molto cauto nel rilasciare la frizione, ed infatti allo spegnersi del semaforo è andata benissimo, visto che ho passato diversi avversari che vedevo slittare molto. A volte si provano tante partenze all’uscita della pit-lane durante il weekend, per poi scoprire che in quel punto il grip è maggiore o inferiore a quello che c’è sull’asfalto della rettilineo di partenza.

Quello attuale è un sistema molto delicato, credo che quest’anno tutti i piloti abbiano sbagliato almeno una partenza, Rosberg compreso, ma c’è chi riesce a gestire e capire un po’ meglio degli altri il grip che c’è sull’asfalto. E questo, a quanto pare, è un elemento che può fare una grande differenza...

condivisioni
commenti
Mercedes celebra il terzo iride Costruttori a Brackley e Brixworth

Articolo precedente

Mercedes celebra il terzo iride Costruttori a Brackley e Brixworth

Prossimo Articolo

Sainz: "Nel 2017 Sauber farà 2 passi indietro con il V6 Ferrari 2016"

Sainz: "Nel 2017 Sauber farà 2 passi indietro con il V6 Ferrari 2016"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Giappone
Location Suzuka
Piloti Felipe Massa
Team Williams
Autore Felipe Massa
Video: C'era una volta Sebastian Vettel Prime

Video: C'era una volta Sebastian Vettel

Sebastian Vettel è alle prese con uno degli inizi di stagione più difficili della sua carriera di pilota. Zero punti all'attivo, difficoltà a raggiungere la Q3 ed errori pesanti ne potrebbero minare il prosieguo della carriera...

Podcast, Bobbi: "Non possiamo criticare chi ha sbagliato ieri" Prime

Podcast, Bobbi: "Non possiamo criticare chi ha sbagliato ieri"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna in compagnia di Marco Congiu e del due volte campione del mondo FIA GT e volto di Sky Sport F1 Matteo Bobbi. Max Verstappen conquista la vittoria davanti a Lewis Hamilton e alla McLaren di Lando Norris. Tanti gli errori, ma le condizioni del tracciato erano proibitive

Formula 1
19 apr 2021
Minardi: “Raikkonen e Perez, l’esperienza non conta?” Prime

Minardi: “Raikkonen e Perez, l’esperienza non conta?”

In compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, e dell'ex Team Principal di Formula 1, Gian Carlo Minardi, andiamo a dare i voti al Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna di F1

Formula 1
19 apr 2021
GP Imola: l'animazione grafica della gara Prime

GP Imola: l'animazione grafica della gara

Andiamo a rivivere le emozioni del GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna grazie alla nostra esclusiva animazione grafica della corsa

Formula 1
19 apr 2021
Podcast F1: Chinchero analizza il GP dell'Emilia Romagna di Imola Prime

Podcast F1: Chinchero analizza il GP dell'Emilia Romagna di Imola

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast il Gran Premio dell'Emilia Romagna, secondo appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Formula 1
18 apr 2021
GP dell'Emilia Romagna: la Griglia di Partenza Prime

GP dell'Emilia Romagna: la Griglia di Partenza

Andiamo a scoprire la Griglia di Partenza del Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, seconda prova del Campionato del Mondo 2021 di Formula 1

Formula 1
18 apr 2021
Podcast, Bobbi: "Perez il migliore nella qualifica di Imola" Prime

Podcast, Bobbi: "Perez il migliore nella qualifica di Imola"

Lewis Hamilton conquista la Pole Position numero 99 della carriera, ma a brillare è anche la stella del messicano Sergio Perez, che alla seconda gara in Red Bull riesce ad essere più concreto di Verstappen, terzo. Ad essere ampiamente analizzati sono i diversi stili di guida delle principali coppie piloti, i quali distacchi - Red Bull a parte - sono importanti nel sabato di Imola

Formula 1
17 apr 2021
Piola: "Mercedes in pole, ma la più veloce è la Red Bull" Prime

Piola: "Mercedes in pole, ma la più veloce è la Red Bull"

La qualifica del GP del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna viene conquistata da Lewis Hamilton e dalla Mercedes. Eppure, la Red Bull è teoricamente la vettura più veloce. Andiamo ad analizzare quanto visto nel sabato di Imola in compagnia di Franco Nugnes, direttore di Motorsport.com, e di Giorgio Piola.

Formula 1
17 apr 2021