Felipe Massa

La colonna di Massa: "Perse tre posizioni per una foratura inspiegabile"

Il brasiliano era sesto a Sochi finché non è retrocesso alla nona posizione per una gomma bucata. Felipe è soddisfatto di aver avvicinato le Red Bull in prestazione: quest'anno la FW40 ha più carico e dalla Spagna ci saranno novità.

E’ stato un buon weekend quello di Sochi. Abbiamo lavorato molto bene, sia io che la squadra, ed ho sempre avuto una sensazione positiva per tutto il fine settimana. Tutto ha funzionato al meglio, dal primo giro delle prove libere, fino ad una foratura nelle fasi conclusive della gara che mi è costata tre posizioni.

E’ stato un vero peccato, perché avevamo meritato sul campo il sesto posto che occupavo dall’inizio del Gran Premio, ed invece mi sono ritrovato a transitare sotto la bandiera a scacchi in nona posizione. In più i sei punti persi mi sono costati due posizioni nella classifica di campionato a vantaggio di Perez e Ricciardo.

Ci siano avvicinati alle Red Bull

In questi casi c’è poco da fare, se non accettare quanto è successo e guardare avanti. La monoposto è andata molto bene nel weekend russo, tolte Ferrari e Mercedes che restano irraggiungibili, ci siamo avvicinati alle Red Bull, e sarebbe stato bello concludere al sesto posto anche per certificare con un risultato questa performance.

Non capiamo la causa della foratura

Quello che non capisco è l’origine della foratura, visto che avevo effettuato il pit-stop e stavo gestendo senza stress il set di gomme supersoft con cui era programmato che arrivassi fino alla bandiera a scacchi. A calare di pressione è stato il pneumatico anteriore destro, proprio quando giravo lontano dai cordoli. Paradossalmente, dopo essermi fermato per la seconda volta ai box, sono tornato in pista con un set di ultrasoft ed ho spinto molto, stressando gli pneumatici ed usando tutta la pista, e…. tutto ha funzionato al meglio, senza forature o inconvenienti.

Solo un'incomprensione con Sebastian

Nel giro conclusivo del Gran Premio c’è stata anche un’incomprensione con Vettel. Lui stava seguendo Bottas, e ho visto che arrivava alle mie spalle. La curva 3 era molto sporca fuori traiettoria, non volevo uscire dalla linea pulita, né fare in modo che ci passasse Sebastian. Quindi ho anticipato la frenata alla fine della curva 3, spostandomi a sinistra e lasciando libero l’interno, affinché il tedesco passasse.

Non ci siamo capiti, così Seb ha aspettato un po’ prima di entrare. Alla fine è passato, ma non credo sia stato un episodio significativo, quanto un’incomprensione che non ha influito sull’esito della gara.

Stupito dal carico della FW40

In coincidenza con la prima tappa Europea del Mondiale 2017, ci avviamo ad un momento molto interessante della stagione. La tappa di Barcellona sarà importante per valutare gli aggiornamenti tecnici che molte squadre porteranno in pista.

Sono molto contento del lavoro che la Williams Martini Racing ha svolto in questa prima fase della stagione in cui siamo riusciti a confermarci alle spalle dei top-team. Mi ha colpito subito il carico aerodinamico della monoposto 2017, sin dai primi test, così come vedere tante idee portate avanti nella factory, a conferma di una stagione dove si respira un’aria nuova.

A Barcellona avremo un pacchetto di novità

I nostri avversari diretti reagiranno, come è nella natura del motorsport, ma anche noi porteremo in pista a Barcellona delle novità tecniche pianificate da tempo. Quindi sono e resto fiducioso, anche se una maledetta foratura non mi ha permesso di uscire da Sochi al sesto posto nella classifica di campionato.

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP della Russia
Circuito Sochi Autodrom
Piloti Felipe Massa
Team Williams
Articolo di tipo Commento
Topic Felipe Massa