La Blitzen Benz era la vettura più veloce del mondo

Pubblichiamo anche il pezzo di Marco Fossella che ha dovuto rinunciare alla presenza a Monza

La Blitzen Benz era la vettura più veloce del mondo
Carica lettore audio
Abbiamo accettato volentieri l'idea di pubblicare anche il lavoro di Marco Fossella che era entrato nella lista dei cinque Fotoreporter scelti, ma che ha dovuto rinunciare per imprevisti problemi personali, inconciliabili con l'evento. Ecco, quindi, il suo elaborato... "Dal 1886 la Mercedes ha percorso molti chilometri, sempre a caccia del primato che la contraddistingue in diversi campi, ma basterebbe ricordare che il primo motore a scoppio, la prima auto a benzina e il primo cambio sono marchiati Mercedes. L’essenza della meccanica racchiusa in quella stella a tre punte. Nel 1911, la Blitzen Benz volava già all’impressionante velocità di 228 Km/h: era il mezzo meccanico più veloce al mondo. Nel 1914, tre 35HP facevano tripletta al Grand Prix de France, come segno distintivo del carattere vincente della casa. Nel ’31 il grande Caracciola porta una SSK nella storia, aggiudicandosi la Mille Miglia. La nascita delle Silberpfeile nel 1934 colora d’argento le vittorie Mercedes, che da allora è legata a questo evocativo titolo. Ma la grande affermazione arriva nel campionato di Formula Uno, dove Mercedes associa il suo nome a uno altrettanto eccellente, quello di Fangio, che le regala due titoli mondiali. Dal ’95 è partner di McLaren, con cui nelle annate ’98-’99 e 2008 torna a vincere nella massima serie motoristica con il talento di Hakkinen ed Hamilton per lanciarsi nel 2010 in una nuova sfida come team ufficiale. La Stella brilla anche a Le-Mans, dove vince nel ’52 con la 300SL, prima vettura ad iniezione diretta, e nel 1989 con la fantastica C9 prima e seconda di classe. Mercedes è poi regina in casa, dove dal ’92 ad oggi ha firmato vittorie a ripetizione nel mondiale DTM. Oltre cento anni di storia e il desiderio di andare sempre al limite".
condivisioni
commenti
Alonso: "Dobbiamo puntare al podio"
Articolo precedente

Alonso: "Dobbiamo puntare al podio"

Prossimo Articolo

Hembery: "Ampio ventaglio di possibilità di strategia"

Hembery: "Ampio ventaglio di possibilità di strategia"