Kvyat penalizzato, retrocede sedicesimo e perde un punto sulla patente

condivisioni
commenti
Kvyat penalizzato, retrocede sedicesimo e perde un punto sulla patente
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
29 lug 2017, 17:20

Il russo è stato ritenuto colpevole di aver ostacolato Stroll al termine del Q1. I commissari hanno retrocesso Kvyat di tre posizioni ed hanno tolto un altro punto sulla patente. Daniil è a quota 10 su 12 e Gasly ha già fatto il sedile a Faenza...

Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR1
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
I Marshal osservano Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12

Non sembra vivere un momento felice Daniil Kvyat. Il russo della Toro Rosso, dopo lo scontro con Carlos Sainz nel corso del primo giro del Gran Premio di Silverstone, è stato punito con l'arretramento di tre posizioni in griglia, ed un punto sulla patente, per il blocco effettuato nei confronti di Lance Stroll in occasione del giro lanciato del canadese in Q1.

Kvyat si è giustificato affermando di non essere stato avvisato per tempo via radio dal team dell'arrivo del pilota della Williams e quando si è accorto della situazione ha deciso di andare sull'erba, ma i commissari hanno ritenuto il russo colpevole di non essersi spostato per tempo ed hanno così punito Daniil con l'arretramento di tre posizioni in griglia costringendolo a scattare dalla sedicesima posizione.

Il punto di penalità rimediato dal russo, inoltre, porta Kvyat vicino alla sospensione per un gara dato che il pilota della Toro Rosso è già a quota 10 su un totale di 12.

In casa Toro Rosso si sono già tutelati nel caso Kvyat dovesse essere sospeso. Pierre Gasly, infatti, si è recato a Faenza in settimana per realizzare il sedile qualora il russo dovesse saltare una gara. 

"Devo accettare la decisione dei commissari" ha afferamto Kvyat "Purtroppo c'è stata una incomprensione con il box via radio e non sono stato avvisato del sopraggiungere di un'altra vettura".

"Mi era stato detto di rallentare a causa di vibrazioni e la mia velocità era molto inferirore rispetto a quella di Stroll, così quando l'ho visto arrivare mi sono buttato sull'erba".

Il comunicato diramato dai commissari ha giustificato in questo modo la decisione: "Gli stewards hanno riscontrato una velocità eccessivamente lenta di Kvyat a causa di un testacoda che ha danneggiato le sue gomme. I commissari hanno riconosciuto che il pilota è stato avvisato in ritardo dell'arrivo di Stroll impegnato nel suo giro veloce".

"Kvyat stava guidando in modo particolarmente lento mantenendo la traiettoria alla fine del Q1 quando gli altri piloti erano impegnati nella ricerca del tempo e questo ha causato un impedimento".

 

Prossimo Articolo
Ferrari: ecco perché Giovinazzi al simulatore ha contribuito alla prima fila

Articolo precedente

Ferrari: ecco perché Giovinazzi al simulatore ha contribuito alla prima fila

Prossimo Articolo

Marchionne all'Hungaroring fa subito visita alla Mercedes

Marchionne all'Hungaroring fa subito visita alla Mercedes
Carica commenti