Kvyat: "Dopo il test con la Ferrari volevo tornare a tutti i costi"

Daniil Kvyat ha rivelato che il suo test con la Ferrari a Fiorano nel 2018 ha avuto un ruolo cruciale nel suo ritorno in F1 all'AlphaTauri.

Kvyat: "Dopo il test con la Ferrari volevo tornare a tutti i costi"

Kvyat è stato scaricato dalla Toro Rosso alla fine della stagione 2017 ed è stato preso dalla Ferrari per essere uno dei suoi piloti al simulatore nel 2018.

Dopo un anno in "panchina", Kvyat ha avuto un'altra opportunità in F1 dal consigliere di Red Bull Motorsport, Helmut Marko. Nel 2019, il russo ha affiancato Alexander Albon e poi Pierre Gasly alla seconda squadra della Red Bull, la Toro Rosso, che da allora è stata ribattezzata AlphaTauri.

Nell'ambito del suo ruolo al simulatore della Ferrari del 2018, Kvyat ha partecipato ad un test per gli pneumatici da bagnato Pirelli, nel mese di aprile sul circuito di Fiorano. Quel test, con la Ferrari SF71H, è stato un grande stimolo per Kvyat ed ha rafforzato la sua determinazione a inseguire un ritorno in Formula 1.

"E' stato molto emozionante per me, perché era una Ferrari, a Fiorano" ha detto Kvyat nel podcast Beyond the Grid. "E' stato davvero bello. Non guidavo niente da sei mesi o giù di lì, e mi è piaciuto davvero tanto".

Leggi anche:

"Quel giorno ho capito che volevo tornare a tutti i costi in Formula 1, perché questo è quello che voglio fare, questo è quello in cui sono più bravo. Inoltre, in quel test sono andato molto forte, molto costante e con buoni tempi sul giro. Tutti erano abbastanza contenti".

Nonostante quattro stagioni di esperienza in F1 alla Toro Rosso e alla Red Bull, Kvyat ha ammesso di essersi sentito nervoso prima del test della Ferrari.

"Ricordo che ero molto nervoso a colazione" ha rivelato.

"Ho pensato: 'Ok, cerca solo di non girare a vuoto', perché era da un po' che non guidavo una macchina ed ero un po' preoccupato. Ma per fortuna sono andato in pista e ho iniziato a frenare sempre più tardi e questo è stato un bene".

Daniil Kvyat, Ferrari SF71H

Daniil Kvyat, Ferrari SF71H

Photo by: Pirelli

Riflettendo sulla sua separazione dalla Toro Rosso e sul suo successivo distacco dall'abitacolo, Kvyat ritiene che il suo ruolo al simulatore della Ferrari sia stato "molto importante" dopo un periodo difficile in Formula 1.

Kvyat è stato retrocesso dalla Red Bull alla Toro Rosso solo dopo quattro gare nella stagione 2016. Poi è stato completamente appiedato nella seconda metà del 2017.

"Mi sentivo come se avessi bisogno di una pausa dopo un periodo così difficile" ha aggiunto. "E' stato molto bello, in un certo senso, passare un po' di tempo a casa, fare solo allenamento per schiarirsi le idee e a volte non fare nulla".

"Avevo ancora un lavoro che mi piaceva in un certo senso come pilota al simulatore per la Ferrari, poi mi piacciono molto i team italiani. La Ferrari ha una storia enorme".

"Non era il lavoro che volevo, ma sentivo che stavo dando dei risultati alla squadra e che stavo aiutando a sviluppare la vettura. Sentivano che stavo facendo del mio meglio per loro e mi sentivo molto soddisfatto di fare quel lavoro in un certo senso".

condivisioni
commenti
Alonso: "Più o meno so cosa farò nel 2021. Voglio vincere titoli"
Articolo precedente

Alonso: "Più o meno so cosa farò nel 2021. Voglio vincere titoli"

Prossimo Articolo

Green: "Il poco ego ci ha portato a fare una RP20 simil Mercedes"

Green: "Il poco ego ci ha portato a fare una RP20 simil Mercedes"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021