Kvyat: "Buon pomeriggio di lavoro, dopo il guaio ai freni"

Il pilora russo della Red Bull Racing ha completato 69 tornate dopo il problema che lo ha costretto a stare fermo a lungo in mattinata. Poi ha lavorato sulla mescola soft, ma senza mai cercare una qualifica.

Il pomeriggio ha riportato il sorriso nel box Red Bull. L’inizio della sessione di test per Kvyat non è stato dei migliori a causa di un problema al circuito frenante che è costato al team quasi l’intera mattinata di lavoro. I tecnici sono stati chiamati ad un intervento molto lungo (ma ormai questa sembra essere una costante su questa generazione di monoposto) ripagato però da una buona percorrenza pomeridiana, che ha portato il pilota russo a concludere la giornata con sessantanove giri all’attivo ed il miglior crono di 1’25”049 con la mescola soft.

“Abbiamo avuto un buon pomeriggio di lavoro – ha commentato Kvyat – purtroppo il problema verificatosi ad inizio mattinata ha modificato il nostro programma di lavoro. I tecnici sono stati molto bravi ad identificare e risolvere il problema ai freni e nel pomeriggio tutto è filato liscio”.

“Il problema di per sé non era grave – ha confermato l’ingegnere Guillaume Rocquelin - ma purtroppo c'era un particolare danneggiato in un punto della monoposto di non semplice accesso, ed è stato necessario smontare una buona parte della vettura".

"Abbiamo dovuto rincorrere un po’ il programma di lavoro, ma siamo comunque riusciti a mandare in pista Daniil anche per un run finale con gomme soft. Non gli abbiamo chiesto di simulare la qualifica, ma solo di permetterci di ricavare dei dati con quel tipo di mescola. Non è stato un inizio di test ideale, ma speriamo di recuperare terreno domani”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Barcellona, test di Marzo
Sub-evento Martedì
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Piloti Daniil Kvyat
Team Red Bull Racing
Articolo di tipo Intervista