Kubica capisce i dubbiosi sul suo ritorno in F1, ma li sfida: "Aspettate e vedrete che ce la posso fare"

condivisioni
commenti
Kubica capisce i dubbiosi sul suo ritorno in F1, ma li sfida:
Scott Mitchell
Di: Scott Mitchell
Tradotto da: Matteo Nugnes
17 dic 2018, 11:50

Robert Kubica ha detto di aver capito i motivi per cui ci sono ancora tante persone dubbiose riguardo al suo ritorno in Formula 1 e che probabilmente avrebbe qualche dubbio anche un lui se fosse un team principal.

Il prossimo marzo, ad otto anni di distanza dal terribile incidente nella Ronde di Andora nel quale ha rischiato di perdere la mano destra, Kubica tornerà sulla griglia di partenza di un GP di Formula 1, dopo aver firmato un contratto con la Williams.

Il polacco, che ha appena compiuto 34 anni, ha fatto dei test con la Renault e con la Williams nel 2017, con la speranza di ottenere un sedile per il 2018, ma alla fine ha dovuto accontentarsi del ruolo di riserva della squadra di Grove, che però lo ha promosso titolare per il 2019.

Kubica ha detto di aver avuto la sensazione che "per molti anni le persone faticassero a credere che io potessi tornare", ma che accetta che le cose fossero così.

"Se fossi un team principal, avrei anche dei dubbi" ha detto Kubica. "Quest'anno è stato molto utile perché al primo incontro ricordo di aver detto: 'Se avete dei dubbi, non dobbiamo farlo, perché nei momenti difficili sarebbe facile puntare il dito sul mio braccio. Voglio essere certo che siete convinti che possiamo farlo'".

"Prima di tutto, io devo essere sicuro di poterlo fare, ecco perché sono qui, ma in secondo luogo anche il team deve essere convinto che io sia in grado di fare questo lavoro".

Kubica si è assicurato il sostegno di un importante sponsor polacco per garantirsi il ritorno da titolare sulla griglia della Formula 1 e che il suo ritorno dimostri che "nella vita nulla è impossibile". E ai dubbiosi ha detto: "Devono solo aspettare e vedere".

"Se pensassi di non essere in grado di guidare in modo competitivo e veloce, non sarei neanche qui" ha aggiunto Robert.

"Questo è un modo normale di pensare, così come è normale che le persone vedano i miei limiti e mi chiedano come sia possibile che io ce la possa fare".

"So che è difficile da credere, ma la Williams lo ha visto quest'anno e l'ho visto anche io negli ultimi 18 mesi. Da quando sono tornato per la prima volta su una F1 a Valencia, ho capito che posso farcela".

Il vice-team principal Claire Williams ha dichiarato a Motorsport.com di essere totalmente convinta del potenziale di Kubica, ma soprattutto di confidare sulla sua etica del lavoro.

"Sono stata in grado di passare molto tempo con lui quest'anno, come il resto della squadra, e vedere quanto si sia impegnato per cercare di migliorare sia lui che la squadra è stato davvero positivo" ha detto.

"Come ci si aspetterebbe da ogni pilota di riseva, è sempre nel box, ma poi la sua determinazione a seguire gli sviluppi e ad assicurarsi che stiamo facendo le cose giuste in fabbrica per migliorare la macchina è davvero impressionante".

"Nell'abitacolo voglio un pilota che stia davvero spingendo tutti in fabbrica a realizzare la macchina migliore possibile per la domenica pomeriggio. E Robert ha esattamente questa mentalità".

Robert Kubica, Williams FW41

Robert Kubica, Williams FW41

Photo by: Joe Portlock / LAT Images

Prossimo Articolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Robert Kubica
Team Williams
Autore Scott Mitchell