Jules, è già passato un anno dalla tragedia

Jules Bianchi è stato ricordato con un tweet dalla Ferrari a un anno dalla morte dopo oltre nove mesi di coma a seguito dell'incidente con la Marussia al GP del Giapponese del 2015 quando era finito addosso ad un mezzo di soccorso.

Jules, un anno fa. Mentre la sua Nizza piange per la strage sulla Promenade des Anglais, dove hanno perso la vita 84 persone falciate da Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il terrorista dell'IS che il 14 luglio ha colpito centinaia di persone con un camion lanciato in mezzo alla folla, la famiglia del pilota Marussia rivive la fine di un incubo che si è trasformato in tragedia.

E' già trascorso un anno dalla scomparsa di Jules Bianchi. Si è spento nell'ospedale di Nizza dopo oltre 9 mesi di coma in seguito al tremendo incidente del 5 ottobre 2014 sul tracciato di Suzuka, alla conclusione del GP del Giappone.

Il pilota della Ferrari Driver Acadamy prestato alla Marussia, aveva appena 25 anni: si era schiantato contro il mezzo che stava spostando la Sauber di Sutil uscita precedentemente di pista sull'asfalto bagnato. Un urto terribile e fatale: ha perso subito conoscenza e non si è mai ripreso finendo in un coma profondo fino al giorno della sua morte il 17 luglio 2015.

La famiglia di Jules non soddisfatta delle indagini svolte dalla FIA per scoprire tutte le cause dell'incidente ha deciso recentemente di portare in tribunale la Federazione Internazionale dell'Automobile, la FOM e la Marussia, dopo aver rifiutato un risarcimento che era stato proposto dai vertici della FIA. 

La tragedia di Jules, ragazzo gioviale sempre con il sorriso in bocca, non è certo stata dimenticata: ecco come l'ha ricordato la Scuderia Ferrari...

 

 Visualizza l'immagine s

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Jules Bianchi
Team Marussia
Articolo di tipo Ricordo