Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1

Jochen Rindt ha dominato la stagione 1970 di Formula 1, ma ha perso la vita in un terribile incidente a tre gare dalla fine, diventando l'unico campione postumo della storia.

condivisioni
commenti
Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1

Nella giornata di ieri, Jochen Rindt avrebbe compiuto 78 anni. Il pilota di origini tedesche, ma che correva sotto la bandiera austriaca, ha corso nel Mondiale di Formula 1 dal 1964 al 1970, disputanto un totale di 60 gare.

Ma il destino è stato fatale per Rindt in occasione del Gran Premio d'Italia del 1970, una stagione in cui era riuscito a centrare ben cinque vittorie, costruendosi un grande vantaggio in classifica.

Anche se ci sono state altre tre gare dopo la tragedia di Monza - Canada, USA e Messico - il pilota della Lotus è riuscito comunque a vincere un titolo che lo ha reso l'unico campione postumo della storia della F1.

La carriera di Jochen Rindt in immagini

Jochen Rindt è nato in Germania, ma ha rappresentato l'Austria durante la sua carriera in F1, essendo cresciuto lì fin dall'età di un anno, quando i suoi genitori morirono nel bombardamento di Amburgo del 1943 e i suoi nonni lo adottarono.

Jochen Rindt è nato in Germania, ma ha rappresentato l'Austria durante la sua carriera in F1, essendo cresciuto lì fin dall'età di un anno, quando i suoi genitori morirono nel bombardamento di Amburgo del 1943 e i suoi nonni lo adottarono.
1/13

Il suo debutto avvenne nel 1964, al GP d'Austria, dove fu costretto al ritiro per un problema allo sterzo al 59° giro . Nonostante il suo arrivo in F1, Rindt ha corso contemporaneamente in altre categorie, come la Formula 2.

Il suo debutto avvenne nel 1964, al GP d'Austria, dove fu costretto al ritiro per un problema allo sterzo al 59° giro . Nonostante il suo arrivo in F1, Rindt ha corso contemporaneamente in altre categorie, come la Formula 2.
2/13

Ha partecipato anche a due edizioni della 500 Migliaia di Indianapolis. Nel 1967, con il telaio Eagle e il motore Ford, Rindt è partito al 32° posto e si è classificato al 24° posto. L'anno successivo, con il telaio Brabham e il motore Repco, Rindt è partito 16°, ma ha tagliato il traguardo 32°.

Ha partecipato anche a due edizioni della 500 Migliaia di Indianapolis. Nel 1967, con il telaio Eagle e il motore Ford, Rindt è partito al 32° posto e si è classificato al 24° posto. L'anno successivo, con il telaio Brabham e il motore Repco, Rindt è partito 16°, ma ha tagliato il traguardo 32°.
3/13

Foto di: LAT Images

Tuttavia, il risultato più brillante al di fuori della F1 è arrivato prima, quando ha vinto la 24 Ore di Le Mans del 1965 a bordo di una Ferrari 250LM,

Tuttavia, il risultato più brillante al di fuori della F1 è arrivato prima, quando ha vinto la 24 Ore di Le Mans del 1965 a bordo di una Ferrari 250LM,
4/13

Foto di: LAT Images

In F1, Rindt ha ottenuto sei vittorie, 10 pole position e 13 podi

In F1, Rindt ha ottenuto sei vittorie, 10 pole position e 13 podi
5/13

Foto di: LAT Images

La prima è arrivata con la Lotus 49B, al GP degli Stati Uniti del 1969, a Watkins Glen.

La prima è arrivata con la Lotus 49B, al GP degli Stati Uniti del 1969, a Watkins Glen.
6/13

Foto di: Sutton Motorsport Images

Ha ottenuto un'altra vittoria con l'upgrade, la Lotus 49C. Le altre quattro vittorie invece sono arrivate con la 72C nel 1970.

Ha ottenuto un'altra vittoria con l'upgrade, la Lotus 49C. Le altre quattro vittorie invece sono arrivate con la 72C nel 1970.
7/13

Foto di: LAT Images

E fu a bordo della 72C che Rindt fu vittima l'incidente in cui perse la vita, durante le prove libere del GP d'Italia dello stesso anno.

E fu a bordo della 72C che Rindt fu vittima l'incidente in cui perse la vita, durante le prove libere del GP d'Italia dello stesso anno.
8/13

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Nina Rindt, la moglie di Jochen Rindt, era in pista al momento dell'incidente nella mitica Curva Parabolica.

Nina Rindt, la moglie di Jochen Rindt, era in pista al momento dell'incidente nella mitica Curva Parabolica.
9/13

Foto di: LAT Images

Nonostante ciò, con le cinque vittorie ottenute quell'anno, Rindt ha accumulato un comodo vantaggio su Jack Ickx, che non ha potuto togliergli il titolo.

Nonostante ciò, con le cinque vittorie ottenute quell'anno, Rindt ha accumulato un comodo vantaggio su Jack Ickx, che non ha potuto togliergli il titolo.
10/13

Vale la pena ricordare che nel 1970, il sistema di punteggio F1 ha avuto due scarti. Il primo è stato il peggior risultato delle prime sette gare e il secondo è stato il peggiore delle ultime sei.

Vale la pena ricordare che nel 1970, il sistema di punteggio F1 ha avuto due scarti. Il primo è stato il peggior risultato delle prime sette gare e il secondo è stato il peggiore delle ultime sei.
11/13

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Il risultato finale di quell'anno ha visto Rindt segnare un totale di 45 punti, contro i 40 di Ickx. Così, è diventato l'unico campione postumo nella storia della Formula 1.

Il risultato finale di quell'anno ha visto Rindt segnare un totale di 45 punti, contro i 40 di Ickx. Così, è diventato l'unico campione postumo nella storia della Formula 1.
12/13

Foto di: LAT Images

Rindt ha il suo nome inciso nel marmo sulla 'Walk of Fame' del circuito di Watkins Glen, teatro della sua prima vittoria in F1.

Rindt ha il suo nome inciso nel marmo sulla 'Walk of Fame' del circuito di Watkins Glen, teatro della sua prima vittoria in F1.
13/13

Foto di: Angelo Lisuzzo

I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Articolo precedente

I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Prossimo Articolo

Hamilton testimonial al Live Aid di Lady Gaga

Hamilton testimonial al Live Aid di Lady Gaga
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021
Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1 Prime

Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1

Antonio Giovinazzi si gioca in questa stagione la sua permanenza in Formula 1. Cerchiamo di capire da chi si deve guardare il pilota di Martina Franca, quali possono essere i possibili scenari futuri e come può garantirsi una riconferma per i prossimi anni.

Formula 1
23 feb 2021
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità Prime

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

L'Alfa Romeo C41 non è certamente tra le monoposto più rivoluzionarie della storia della Formula 1. A livello visivo, l'unica vera grande modifica riguarda il muso anteriore, ora più snello anche se non così estremo per concezione. L'ombra della C39 della passata stagione è molto presente sulla monoposto 2021

Formula 1
23 feb 2021
Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda Prime

Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda

L'accordo tra la Red Bull e la Casa giapponese per gestire in autonomia le power unit Honda a partire dal 2022 avrà benefici anche a lungo termine consentendo al team diretto da Horner di giocare allo stesso livello dei costruttori generalisti.

Formula 1
22 feb 2021