Jeddah sarà il circuito cittadino più veloce del mondo

Michael Masi, direttore di gara della F1, dopo il GP d'Italia si è recato in Arabia Saudita per effettuare un'ispezione al tracciato che dovrà ospitare il 5 dicembre il penultimo appuntamento del mondiale 2021. Il tracciato di Tilke sebbene sia realizzato nell'ambito cittadino avrà le caratteristiche di un impianto permanente con una media sul giro di oltre 260 km/h.

Jeddah sarà il circuito cittadino più veloce del mondo

Dopo il Gran Premio d’Italia il direttore di gara della Formula 1, Michael Masi, si è recato in Arabia Saudita per verificare lo stato dei lavori di costruzione del Jeddah Street Circuit.

Un’ispezione indispensabile, visto che tra due mesi la Formula 1 sarà in viaggio per raggiungere la città che si affaccia sul Mar Rosso a cento chilometri da La Mecca, che ospiterà il 5 dicembre il penultimo Gran Premio del 2021.

Osservando i lavori che procedono sotto la guida di Hermann Tilke, emerge un aspetto un po' a sorpresa: quello di Jeddah, sarà davvero un circuito cittadino?

Ovviamente la pista è in città, anzi, è collocato in una zona che separa le abitazioni che si affacciano sul mare e la spiaggia, e in alcuni tratti le monoposto transiteranno a pochi metri di distanza dalla riva. Ma osservato dall’alto l’impianto sembra un circuito permanente realizzato in città e a confermarlo è stato lo stesso Tilke, parlando di una media sul giro spaventosa per quello che a tutti gli effetti è uno ‘street circuit’.

La collocazione non deve trarre in inganno, quello che ospiterà il primo Gran Premio dell’Arabia Saudita è un circuito con tutte le caratteristiche di un tracciato permanente, e con gli oltre sei chilometri d’estensione (6.175 metri) diventa inferiore solo a Spa in termini di lunghezza tra le piste sulle quali fa tappa la Formula 1.

Le curve sono fluide, non ci sono i passaggi tipici delle piste in città con curve a novanta gradi, ma tratti che si preannunciano molto veloci confermati nelle simulazioni. I dati indicano una velocità massima di oltre 322 km/h alla curva ‘27’, ma soprattutto una media sul giro che dovrebbe superare i 260 km/h! Sono previste tre zone DRS, con più punti che dovrebbero favorire le possibilità di sorpasso.

L’area dove sta sorgendo il circuito è un cantiere in cui l’attività è frenetica e l’impressione è che sarà una corsa contro il tempo per garantire il completamento della struttura entro due mesi. A fare da cornice alla pista e alle strutture operative ci sarà un’area verde, che rimarrà poi a disposizione della città come parco pubblico.

Secondo Tilke i tempi saranno stretti ma tutto verrà completato in tempo, e diventerà un nuovo record per l’architetto tedesco, considerando che lo scorso mese di dicembre di questo progetto non vi era traccia, neanche sulla carta. L’impianto sarà dotato di illuminazione, per permettere (come in Bahrain e Abu Dhabi) lo svolgimento della gara in notturna.

Il circuito di Jeddah

Il circuito di Jeddah

Photo by: Saudi Motorsport Company

condivisioni
commenti
Honda: più potenza elettrica per la power unit di Verstappen!

Articolo precedente

Honda: più potenza elettrica per la power unit di Verstappen!

Prossimo Articolo

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021