Isola: "Sul lato gomme possiamo fare poco se piove forte"

Mario Isola, responsabile della Pirelli in Formula 1, ha spiegato che l'azienda italiana non può fare molto per rendere le vetture più semplici da guidare in condizioni di bagnato.

Isola: "Sul lato gomme possiamo fare poco se piove forte"

La bandiera rossa del Gran Premio del Belgio, arrivata dopo appena tre giri disputati dietro alla Safety Car ha riacceso il dibattito sulle monoposto di Formula 1 che non sarebbero in grado di correre in sicurezza in caso di pioggia battente.

A Sochi, la FIA ha cancellato la terza sessione di prove libere nella speranza di avere almeno una finestra per dare il via alle qualifiche del Gran Premio di Russia.

Isola ha spiegato che il dilemma è semplice: più gli pneumatici sono in grado di disperdere l'acqua e più sarà l'effetto spray. Un problema che si è fatto ancora più importante da quando quattro anni fa è stata maggiorata la dimensione degli pneumatici.

"Ho parlato con molte persone dopo Spa", ha detto Isola a Motorsport.com. "Perché ovviamente nessuno vuole vedere di nuovo un'altra Spa, con la gente che aspetta per ore e poi non succede niente".

"Sul lato pneumatici possiamo fare molto poco, perché le gomme sono progettate per garantire il crossover tra le full wet e le intermedie, e spostare questo obiettivo progettuale non è l'ideale, perché poi si può creare un gap".

"E in ogni caso anche fare un pneumatico che sia più capace di disperdere l'acqua non sarebbe d'aiuto, perché questo aumenterebbe lo spray, peggiorando ulteriormente la visibilità. Questo quindi non risolverebbe il problema, probabilmente lo peggiorerebbe. Non so davvero cosa potremmo fare in termini di pneumatici".

Leggi anche:

Per quanto riguarda le attuali specifiche di pneumatici, ha detto: "Il fatto che nel 2017 abbiamo introdotto le gomme più larghe sta anche aumentando lo spray. Le vecchie rain era in grado di disperdere 60 litri al secondo a 300 km/h, e ora parliamo di 85".

"E ovviamente è più acqua che vola. A meno che non troviamo un modo per bloccare l'acqua ed evitare che venga spruzzata e che limiti la visibilità, non so davvero cosa possiamo fare. Onestamente non ho una soluzione per questo".

Isola ha detto che degli asfalti progettati per ridurre gli spruzzi potrebbero aiutare, pur riconoscendo che i circuiti sarebbero tenuti a investire pesantemente per un cambiamento di questo tipo.

"Credo che con le conoscenze che abbiamo ora è probabilmente possibile progettare un asfalto che è in grado di evitare l'acqua stagnante, o progettare circuiti con una sorta di campanatura, che potrebbemantenendo l'acqua lontana dalla pista".

"Non è facile, ovviamente non possiamo chiedere di ridisegnare o riprofilare tutti i circuiti. C'è qualcosa che può essere fatto con l'esperienza che abbiamo nelle ultime gare. Ma quando abbiamo una quantità di acqua eccessiva, allora è difficile".

"E credo che sia lo stesso per qualsiasi sport all'aperto. Se l'intensità della pioggia è enorme si ferma qualsiasi tipo di competizione, il calcio o qualsiasi altro evento all'aperto".

condivisioni
commenti
Podcast: 25 settembre 2005, "Bravo Fernando"

Articolo precedente

Podcast: 25 settembre 2005, "Bravo Fernando"

Prossimo Articolo

Ferrari: due cofani motore molto diversi sulla SF21

Ferrari: due cofani motore molto diversi sulla SF21
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021