Isola: "I parametri di assetto delle Ferrari erano nei limiti consigliati"

condivisioni
commenti
Isola:
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
17 lug 2017, 07:44

Pirelli e Ferrari collaborano insieme per trovare le cause che hanno determiato il finale a sorpresa per le due Rosse nel GP di Gran Bretagna costrette a una sosta ai box in più per i problemi emersi all'anteriore sinistra.

Mario Isola, Racing Manager, Pirelli Motorsport
Kimi Raikkonen, Ferrari festeggia sul podio
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, con una foratura all'anteriore
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H, pneumatico anteriore delaminato
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, con una foratura all'anteriore

Il responsabile Motorsport della Pirelli, Mario Isola, ha fatto il punto su quanto accaduto alle due Ferrari nelle fasi finali del Gran Premio di Gran Bretagna.

E’ stato confermato che i problemi che hanno colpito Vettel e Raikkonen alla stessa gomma (l’anteriore sinistra) sono di natura differente.
“Ovviamente stiamo ancora indagando – ha spiegato Isola – e andremo a fondo con le analisi per chiarire l’accaduto. Al momento crediamo che i problemi siano di natura differente, nel caso di Kimi possiamo escludere che si tratti di un problema alla carcassa, visto che il pneumatico è arrivato ai box ancora gonfio. C’è una parte danneggiata (Isola non ne parla ma si ipotizza sia la cintura) ma indagheremo su tutte le aree”.

“Sebastian ha invece avuto un problema differente – ha chiarito Isola – che ha causato una perdita d’aria. Stiamo lavorando insieme alla Ferrari, i loro dati saranno preziosi per far luce sull’accaduto. Nel caso di Kimi non credo che la causa sia legata all’usura, per Sebastian dobbiamo verificare. Non ha neanche senso parlare di un limite di giri di utilizzo, perché ogni monoposto gestisce le gomme in modo differente, quindi non possiamo dire che si tratti di un problema di usura, così come di un problema di integrità”.

Isola ha anche escluso che alla base del problema di Vettel possa esserci il bloccaggio visto mentre era in bagarre con Bottas:
“Non credo che questo possa essere il motivo di una problema come quello accaduto a Sebastian. Valuteremo tutti i dati, eventuali vibrazioni, temperature, pressioni, qualsiasi indicazione sarà essere utile per far luce sull’accaduto. Problemi di set up? Non posso parlare del set up delle squadre, ovviamente, ma posso dire che ogni team era nei limiti che suggeriamo, ma non posso rivelare i valori di camber o di altri parametri della Ferrari, così come di altre squadre. Posso dire però che il pneumatico di Kimi non aveva blister, e stiamo verificando ora quello di Vettel”.

Prossimo Articolo
Ericsson vs Wehrlein: ancora scintille tra i piloti Sauber

Articolo precedente

Ericsson vs Wehrlein: ancora scintille tra i piloti Sauber

Prossimo Articolo

Nielsen lascia la Williams per lavorare sul futuro della F.1 con Brawn

Nielsen lascia la Williams per lavorare sul futuro della F.1 con Brawn
Carica commenti