Incredibile F.1: nel 2017 a Monza per l'80% del giro a tutto gas?

La simulazione di un motorista di F.1 indica che le monoposto 2017 capaci di più grip in curva, a Barcellona staranno con il motore in pieno per il 70% della tornata, con un aumento del 20% rispetto allo scorso anno. Sarà allarme affidabilità?

Incredibile F.1: nel 2017 a Monza per l'80% del giro a tutto gas?
Mercedes W07 Hybrid
Mercedes, layout del motore
Mercedes W07 Hybrid, teaser
Mercedes layout del motore, vista laterale
Kimi Raikkonen, Ferrari testing the new 2017 Pirelli tyres
Ferrari SF16-H, lo scarico
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Renault F1 Team teaser del lancio della vettura 2017
Renault Sport F1 Team RS16
Jolyon Palmer, Renault Sport F1 Team
Motore Honda 2015, vista laterale
Fernando Alonso, McLaren MP4-31
Fernando Alonso, McLaren MP4-31

Cresce l’attesa per la stagione 2017 di Formula 1. La domanda che molti appassionati si fanno è se vedremo delle gare con più sorpassi? La risposta non è affatto certa, dal momento che sappiamo con precisione solo che i piloti disporranno di monoposto con più carico aerodinamico e che aumenterà in modo molto significativo la velocità di percorrenza in curva, mentre non dovrebbe ridursi la velocità massima alla speed trap, nonostante l’incremento della resistenza all’avanzamento dovuto alle gomme più larghe e alle carreggiate maggiorate.

Mario Isola, Motorsport Racing Manager della Pirelli, nell’intervista esclusiva a Motorsport.com di Roberto Chinchero è stato chiaro: è difficile prevedere quali saranno le prestazione delle macchine 2017: “…perché dalle simulazioni che ci hanno mandato le squadre basate sui modelli nelle nuove vetture si intuisce facilmente che le performance saranno migliori rispetto a quelle delle mule-car usate dai tre top team nei test 2016. Questo porta ad avere ancora dei punti interrogativi sui riscontri che arriveranno dalla pista nei primi test e nelle prime gare del Mondiale”.

In Australia si useranno le tre mescole più morbide, Ultrasoft compresa: “Le monoposto saranno ancora acerbe, quindi lontane dalle prestazioni che vedremo nella seconda metà della stagione e poi abbiamo riscontrato che le mescole 2017 si sono confermate più stabili, ed infine avendo guadagnato in stabilità, si faticherà un po’ di più nella fase di warm-up della gomma”.

Nonostante tutto questo a Melbourne stanno definendo delle modifiche al tracciato cittadino per fare in modo che la pista ottemperi alle sicurezza in funzione dell’aumento delle prestazioni che è stato stimato in circa tre secondi al giro rispetto allo scorso anno.

La FIA come pista di riferimento per misurare l’incremento delle performance ha scelto quella di Barcellona, vale a dire l’impianto che dal 27 febbraio ospiterà le due sessioni di test invernali e poi sarà il teatro del GP di Spagna.

Secondi i tecnici questo regolamento dovrebbe produrre una riduzione dei tempi sul giro sull’ordine dei cinque secondi rispetto alla gara iberica del 2015. Se si considera che un paio di secondi sono già stati guadagnati nel corso del 2016, è facile prevedere che si andrà oltre i 3 secondi al giro con le macchine 2017, tanto più che 1,5 secondi sarà dato dalle nuove gomme larghe Pirelli.

Finora non esistono dati oggettivi, ma solo simulazioni che ciascuna squadra si è costruita: per la curva 3 del Montmelò si prevede una velocità di percorrenza di 30 km/h più alta, mettendo a dura prova la resistenza fisica dei piloti che torneranno ad allenare i muscoli del collo che saranno nuovamente sottoposti a carichi laterali superiori ai 5G.

Secondo un motorista, che per il momento ha voluto restare anonimo, i motori 2017 saranno destinati a essere sfruttati a tutto gas per il 70% del giro di Barcellona, mentre fino allo scorso anno sulla pista spagnola non si superava il limite del 50% per il tracciato catalano non era considerato fra quelli più severi.

L’incremento sarebbe del 20%, superando anche il valore di Monza, il “tempio della velocità”: i dati della simulazione con la telemetria Wintax di Magneti Marelli, nel 2016 indicavano sullo Stradale una percorrenza full throttle del 69%, mentre quest’anno si arriverebbe certamente a superare il muro dell’80%!

Valori che sono impressionanti se saranno confermati in pista e non solo dai simulatori. Si tratta di dati che mettono in evidenza quello che sarà il rischio sull’affidabilità delle power unit che dovranno durare 5 GP, visto che la FIA quest’anno limiterà le unità a quattro per pilota, mentre nel 2016 ne erano concesse 5, ma potranno contare su 105 kg di carburante per completare la distanza del GP per cui ci saranno meno momenti di guida lifting (in rilascio) per stare nei parametri di consumo.

Avremo, quindi, propulsori che saranno maggiormente spremuti, anche se alcuni tecnici sostengono che saranno comunque power unit sotto potenziate rispetto alla resistenza all’avanzamento che le nuove monoposto saranno capaci di generare con carreggiate e gomme più larghe.

Chi crede che si stia andando verso un riequilibrio delle potenze fra i motori, probabilmente si sta sbagliando di grosso: si parla di valori intorno ai mille cavalli per il Mercedes (in condizione da qualifica), ma ce ne vorrebbero molti più per ovviare al maggiore drag delle macchine 2017.

E, secondo alcuni esperti, anche una differenza di pochi cavalli si sentirà nelle prestazioni. La migliore power unit (Mercedes), quindi, continuerà a dare un importante vantaggio alle frecce d’argento, per quanto il nuovo regolamento FIA si sforzi di riaccendere i riflettori più sulla ricerca aerodinamica che sullo sviluppo dei 6 cilindri turbo.

Sarà interessante scoprire quale sarà la verità della pista, ma con queste premesse non aspettatevi grandi sorpassi…

condivisioni
commenti
Ricciardo: "Le auto del 2017 richiedono una maggiore preparazione fisica"

Articolo precedente

Ricciardo: "Le auto del 2017 richiedono una maggiore preparazione fisica"

Prossimo Articolo

Tost: "Lavoriamo 24 ore al giorno per preparare la nuova monoposto"

Tost: "Lavoriamo 24 ore al giorno per preparare la nuova monoposto"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021