Il ritardo delle regole F1 2021 non preoccupa per niente Todt

Il presidente della FIA, Jean Todt, ha spiegato che la decisione di ritardare la diffusione delle regole 2021 della Formula 1 ha eliminato la preoccupazione che nessuno sia d'accordo con l'altro su questo argomento.

Il ritardo delle regole F1 2021 non preoccupa per niente Todt

L'organo regolatore, i team e le personalità di spicco della F1 hanno concordato di ritardare la presentazione dei regolamenti 2021 fino ad ottobre, dopo un incontro andato in scena a Parigi la scorsa settimana.

Le bozze di proposte erano state presentate alle squadre prima del Gran Premio del Canada, ma c'era ancora preoccupazione per alcuni elementi delle regole, e la FIA ha cercato di ottenere un sostegno unanime per ritardare la messa a punto dei regolamenti del 2021.

Anche se questo obiettivo è stato raggiunto con successo, ha sollevato il timore che questa revisione, che comprende regole tecniche e sportive, oltre ad elementi finanziari cruciali e procedure di governance, possa essere annacquata con il passare del tempo.

Quando gli è stato chiesto se è preoccupato per l'impatto che questo ritardo potrebbe avere sul regole, Todt ha dichiarato: "Non sono affatto preoccupato, ma in Formula 1 lo sono spesso perché nessuno è d'accordo".

"Per una volta, siamo riusciti ad avere le 10 squadre d'accordo, insieme al detentore dei diritti commerciali e all'organo regolatore. Ora dobbiamo assicurarci che tutti stiano lavorando".

"Chiederò ai team principal, ai piloti ed al fornitore delle gomme di lavorare insieme per provare a trovare la soluzione migliore per il campionato".

Al fine di garantire questo ritardo, è stato riferito che la FIA è stata in grado di far firmare alle squadra una lettera secondo la quale il limite di budget - concordato a 175 milioni di dollari - non sarebbe stato modificato.

"Stiamo parlando ora, nel giugno 2019, di regolamenti che entreranno in vigore nel 2021 e ci resteranno per cinque anni" ha detto Todt. "Quindi dobbiamo fare in modo di trovare delle buone soluzioni".

"Penso che possiamo lavorare per tre o quattro mesi, tutti insieme, per cercare di affrontare tutto ciò che deve essere affrontato. Penso che sia una situazione molto buona".

Il vertice della FIA a Parigi, lo scorso lunedì, si è svolto un giorno prima della riunione del Consiglio Mondiale del Motorsport che si è svolto proprio nella capitale francese.

All'interno di questo, dunque, non è stato presentato alcun aggiornamento delle regole della Formula 1, con il comunicato emesso in serata che non ha fatto altro che confermare la decisione di rimandare alla fine d'ottobre la divulgazione delle regole 2021.

condivisioni
commenti
Ocon: "Wolff sta lavorando per farmi tornare titolare in F1 nel 2020"

Articolo precedente

Ocon: "Wolff sta lavorando per farmi tornare titolare in F1 nel 2020"

Prossimo Articolo

Ferrari e Ducati potrebbero perdere Mission Winnow per il resto della stagione!

Ferrari e Ducati potrebbero perdere Mission Winnow per il resto della stagione!
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021