Il parabrezza della Red Bull ha debuttato nelle libere di Sochi

Daniel Ricciardo ha completato la prima dimostrazione pubblica del parabrezza Red Bull in occasione delle prima sessione di prove libere del GP di Russia.

A seguito delle prove statiche di questa soluzione, che è stata proposta come un'alternativa al sistema Halo, la Red Bull ha deciso di provarlo per la prima volta in pista a Sochi.

Ricciardo ha completato solamente un giro di installazione per capire quale può essere l'impatto a livello di visibilità per il pilota.

Piuttosto che un pilastro di sostegno centrale come l'Halo, questo sistema si sorregge su due piloncini che sono in linea con gli specchietti retrovisori.

Il team lo ha voluto utilizzare per questo giro di installazione non solo per comprendere meglio l'impatto del dispositivo sulla guida del pilota, ma anche per capire la reazione degli appassionati.

Per esempio, quando la Ferrari ha utilizzato l'Halo in occasione dei test collettivi di Barcellona, sono arrivate parecchie critiche, perché questa soluzione non è piaciuta.

A chi storce il naso di fronte a questa proposta, Daniel Ricciardo ha provato a far capire che quando c'è di mezzo la sicurezza delle vetture con un po' meno appeal sono probabilmente il giusto prezzo da pagare.

"Penso che dovremmo essere un po' più aperti al cambiamento. Ovviamente è una situazione differente, ma nel 2009 le vetture sono cambiate molto dal punto di vista visivo e in molto pensavamo che fossero bruttissime. Tuttavia, ci siamo abituati. Credo che possa accadere la stessa cosa anche in questo caso" ha spiegato prima di provarlo in pista.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Russia
Sub-evento Venerdì, prove libere 1
Circuito Sochi Autodrom
Piloti Daniel Ricciardo
Team Red Bull Racing
Articolo di tipo Ultime notizie