Il papà di Bianchi: "L'Halo non sarebbe servito a niente per Jules"

Philippe Bianchi è critico con l'adozione dell'Halo come migliore soluzione per proteggere meglio la testa dei piloti. Secondo il francese il sistema provato dalla Ferrari non sarebbe servito negli ultimi incidenti più gravi.

Philippe, il papà di Jules Bianchi, non è affatto convinto che l’Halo sia la migliore soluzione per proteggere la testa dei piloti di Formula 1.

Il primo prototipo dell’Halo è apparso oggi a Barcellona montato sulla Ferrari SF16-H guidata da Kimi Raikkonen che ha avuto l’opportunità di provarlo nel giro di installazione che la Rossa ha effettuato questa mattina per verificarne la visibilità.

E anche se ci saranno evidenti benefici per la sicurezza, è stato accettato da tutti il fato che l’Halo non avrebbe potuto salvare la vita a Jules Bianchi nell’incidente alla conclusione del Gp del Giappone 2014.

Parlando all’emittente televisiva francese CANALE, Philippe Bianchi ha accolto gli sforzi che si stanno facendo per la sicurezza, ma ha esortato il mondo della F.1 nel cercare di andare molto più in là nel suo tentativo di proteggere i piloti.

"Ritengo che questo sia un passo in avanti in termini di sicurezza", ha detto Bianchi. "È evidente che, nel caso si stacchi una ruota questo sistema potrebbe essere efficace”.

"Tuttavia, nel caso di detriti più piccoli, come nel caso di Felipe Massa [in Ungheria 2009] e di Justin Wilosn [pilota IndyCar] non sarebbe cambiato nulla. Quindi l’Halo è un passo in avanti, ma non risolve il problema".

Il problema della decelerazione

La natura dell’incidente di Bianchi a Suzuka, che si è scontrato con la sua Marussia contro un mezzo di soccorso in pista, ha evidenziato che un diadema di carbonio sull’abitacolo non avrebbe fatto alcun differenza nell’incidente del pilota francese.

Philippe ha aggiunto: "Per Jules, non sarebbe cambiato nulla, perché la decelerazione estremamente violenta ad aver causato il danno al cervello”.

"Penso che uno sviluppo del dispositivo HANS potrebbe aiutare ad assorbire le grande decelerazioni in caso di impatto grave".

L'azione della FIA

Philippe ha aggiunto che non ha niente contro l’introduzione dell’Halo, ma invita la FIA a non riposare sugli allori dopo che il sistema sarà introdotto.

"Non voglio passare per chi va contro una nuova soluzione di sicurezza, ma questa versione dell’Halo non mi convince e credo debba essere ancora perfezionato. Anche esteticamente è piuttosto brutto e mi domando cosa veda effettivamente il pilota. La FIA ha deciso di agire dopo gli incidenti di Jules e Justin, ma deve andare oltre".

Il test della Red Bull

La FIA sta portando avanti il concetto dell’Halo con l’intenzione di introdurlo in F.1 dal 2017, anche se un disegno finale non è ancora stato approvato.

La Red Bull ha studiato un’alternativa alla soluzione vista oggi sulla Ferrari, con una versione chiusa frontalmente che dovrebbe consentire una migliore visibilità per il pilota.

Christian Horner, team principal del team di Milton Keynes, ritiene che il disegno dell’Halo provato dalla Ferrari non sia la direzione giusta per la F.1...

"Personalmente non mi piace", ha detto a Motorsport.com. "Capisco che la sicurezza del pilota è di primaria importanza, ma io che credo di essere un po' un purista delle corse e per me le monoposto devono essere aperte come è stato per 60 anni”.

“Naturalmente dobbiamo fare tutto il possibile per ridurre i pericoli, ma la protezione dell’Halo, non sarebbe servita a Felipe Massa e, purtroppo, nemmeno a Jules Bianchi".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Barcellona, test di Marzo
Sub-evento Giovedì
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Articolo di tipo Intervista