Il motore Honda 2 ha chiuso il gap di potenza dal Mercedes!

Le rilevazioni fonometriche svolte al Red Bull Ring confermano che la power unit RA621 H ha pareggiato i valori della Mercedes con il motore 2. Risolti i problemi di affidabilità, la Casa giapponese può sfruttare tutta la potenza che il propulsore era in grado di esprimere in Bahrain e che poi era stata ridotto per il timore di rotture. La partita mondiale si gioca sulle prestazioni o sulla durata?

Il motore Honda 2 ha chiuso il gap di potenza dal Mercedes!

Lo avevamo anticipato in mattinata quando avevamo scritto che la superiorità della Red Bull non poteva limitarsi solo e soltanto all’assetto aerodinamico più scarico deliberato sulle RB16B. Ora abbiamo anche una prova tangibile: i rilevamenti fonometrici che sono stati svolti a Spielberg durante il GP della Stiria indicano che la Honda ha chiuso il gap di potenza dalla power unit Mercedes con l’adozione del motore 2.

Nelle rilevazioni di Baku c’era una differenza di 16 cavalli a favore della power unit della Stella, ma quel margine sembra svanito da quando il motore RA621 H numero 2 è entrato in azione al Paul Ricard sulle due Red Bull e sulle AlphaTauri.

I giapponesi vogliono uscire dalla F1 lasciando il segno e ci stanno riuscendo: hanno lavorato sulla gestione del turbo e sullo sfruttamento dell’impianto ibrido. Interventi che non sono affatto vietati, visto che l’hardware della power unit è identico a quello del propulsore omologato a inizio stagione.

“Non so dire se la loro superiorità è dovuta alla maggiore potenza o all’ala scarica – ha detto Lewis Hamilton – sta di fatto che sono più veloci di noi in rettilineo. Qui si corre anche la prossima settimana e non ci sarà il tempo per cambiare la macchina in tre giorni. Hanno portato degli aggiornamenti e noi dovremo reagire lavorando”.

Toto Wolff aggiunge: “La Honda ha portato in Francia un nuovo motore che non va forte solo con la Red Bull ma anche con Gasly e Tsunoda. Il regolamento dice che gli aggiornamenti possono essere autorizzati per migliorare l’affidabilità, ma non le prestazioni”.

Il dubbio è stato insinuato, anche se la questione non è stata posta in termini perentori: le squadre non hanno bisogno delle prove fonometriche per rilevare le potenze perché dispongono dei dati GPS, ma la questione è sul tavolo. Mantenendo gli stesso pezzi che compongono il motore è possibile guadagnare una quindicina di cavalli? Questa è la domanda che cercherà una risposta che può valere un mondiale.

Secondo Mattia Binotto, team principal Ferrari, la Red Bull non ha incrementato la potenza sul motore 2: "Vediamo i dati GPS e la Red Bull ha la stessa potenza che c'era in Bahrain. Probabilmente non hanno potuto usarla sempre e ora che sembra abbiano risolto i problemi di affidabilità sono tornati ai valori di inizio campionato".

La spiegazione Ferrari aiuta a capire l'attuale situazione e dà una chiave interessante sul lavori di sviluppo della Red Bull: che disponga del miglior telaio e dell’aerodinamica più efficiente non lo mette in dubbio nessuno, ma la Mercedes per la prima volta da quando è stata varata la formula ibrida subisce una netta superiorità della concorrenza.

Visti i limiti di sviluppo dettati dal budget cap e dalla decisione di orientare tutte le risorse umane e tecniche alla monoposto 2022, diventa fondamentale la partita dell'affidabilità nella quale la Mercedes si sente ancora superiore. Red Bull sta spremendo il motore Honda (Pierre Gasly è già arrivato all'uso della terza MGU-H sulla sua AlphaTauri): sarà questa la chiave del mondiale?

condivisioni
commenti
F1 2021: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Austria

Articolo precedente

F1 2021: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Austria

Prossimo Articolo

Bobbi: "Leclerc, errore di valutazione al via con Gasly"

Bobbi: "Leclerc, errore di valutazione al via con Gasly"
Carica commenti
Ceccarelli: "La sosta aiuta: più tecnica, meno tecnicismi" Prime

Ceccarelli: "La sosta aiuta: più tecnica, meno tecnicismi"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano i molteplici fatti che hanno caratterizzato il Gran Premio d'Ungheria. Tra questi, anche la "guerra di nervi" innescata da Lewis Hamilton nei confronti di Max Verstappen, suo diretto contendente al titolo. A chi gioverà di più la pausa estiva? Lo scopriremo in Belgio.

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello Prime

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello

Vettel è stato squalificato dal GP d'Ungheria per non aver avuto il litro necessario nel serbatoio a fine gara. Aston Martin medita il ricorso puntando il dito contro le pompe d'aspirazione del carburante usate in verifica. Ecco cos'è successo nel weekend e cosa potrà succedere nelle prossime ore...

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale Prime

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale

Andiamo a ripercorrere tutte le emozioni del Gran Premio di Ungheria nella nostra ricostruzione grafica. Dopo il caos della prima partenza e l'indecisione della Mercedes nel cambiare gomme ad Hamilton, l'inglese si è lanciato nella rimonta che lo ha portato al terzo gradino del podio

Formula 1
2 ago 2021
Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi" Prime

Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi"

Il Gran Premio d'Ungheria, oltre alle sorprese e ai colpi di scena continui, ha regalato tanti promossi e altrettanti bocciati. Ecco le pagelle del weekend ungherese stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
2 ago 2021
Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra" Prime

Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano il Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 dove si può essere invertita l'inerzia del Mondiale. Lewis sta lontano dai guai e, nonostante strategie discutibili, chiude terzo. Verstappen, invece, è vittima di un secondo incidente e chiude in decima posizione

Formula 1
2 ago 2021
Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon" Prime

Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon"

In questa nuova puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Formula 1
1 ago 2021
GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max Prime

GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position numero 101 della carriera in occasione del GP d'Ungheria. L'inglese scatta davanti al compagno di team, Valtteri Bottas, mentre Max Verstappen è terzo: ma attenti all'olandese, che partirà con gomma Soft...

Formula 1
1 ago 2021
Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste" Prime

Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste"

In questa puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare le qualifiche del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Lewis Hamilton conquista la pole numero 101 della carriera davanti al compagno Mercedes Valtteri Bottas ed alla Red Bull di Verstappen

Formula 1
31 lug 2021